BORSE EUROPA - Indici in calo, pesano timori ripresa economia

mercoledì 4 agosto 2010 10:18
 

                             indici               chiusura 
                           alle 10,00    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.798,29    -0,74%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.062,94    -0,72%    1.045,76 
Stoxx banche             228,15    -1,03%      221,27 
Stoxx oil&gas            303,93    -0,53%      330,54 
Stoxx tech               194,67    -0,48%      184,35 
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 4 agosto  (Reuters) -  Mattinata negativa per le
principali piazze europee, appesantite dai deludenti dati
 statunitensi sulla spesa dei consumatori e sul mercato
immobiliare, che hanno rinnovato i timori sulla forza della
ripresa economica.  
 Secondo i dati diffusi ieri,i consumi americani sono rimasti
al palo a giugno mentre le vendite di case in corso hanno
toccato un record negativo. A pesare sul sentiment, anche la
deludente trimestrale di Procter & Gamble (PG.N: Quotazione)
 "Le prese di profitto in apertura sono inevitabili: il
fardello delle trimestrali americane  comincia a pesare, visti
alcuni risultati poco brillanti, mentre la spesa dei consumatori
sta rallentando" ha spiegato in una nota Chris Weston, analista
di IG Market.
  Attorno alle 10 ora italiana l'indice europeo FTSEurofirst
300 .FTEU3 cede lo 0,72% . L'indice Ftse 100 britannico
.FTSE perde lo 0,96%, il Dax tedesco .GDAXI lo 0,54%  e il
Cac 40 francese .FCHI lo 0,59%.
  Tra i titoli in evidenza:
 * NEXT (NXT.L: Quotazione), secondo retailer di abbigliamento del Regno
Unito, cede circa il 7%, dopo aver registrato un rallentamento
della spesa dei consumatori  negli ultimi mesi, con le vendite
dei negozi aperti da almeno un anno mezzo scese dell'1,5% e
prospettive poco confortanti per il secondo semestre.
 * SWATCH UHR.VX, il più grande produttore mondiale di
orologi, sale del 3,40%, trascinato dai dati delle vendite del
primo semestre, chiusosi a livelli superiori a quelli registrati
nel 2008.
 * BRITISH LAND (BLND.L: Quotazione), la più grande società immobiliare
del regno Unito, cede il 3,7%, dopo aver registrato un riduzione
del valore netto degli asset nel primo trimestre, cui si
aggiungono i timore di una restrizione del credito per i mutui
sull'immobiliare da parte delle banche.
  * Dopo aver messo a segno un rialzo del 3% in apertura,
SOCIETE' GENERALE (SOGN.PA: Quotazione) arretra, mantenendosi poco al di
sopra dell'1%. L'istituto francese ha chiuso il secondo
trimestre in maniera migliore delle attese, mettendo a segno un
utile netto di 1,08 miliardi di euro dai 309 milioni registrati
nello stesso periodo dello scorso anno, ma mantiene una visione
poco ottimistica sulla consistenza della ripresa economica.
 * EDF (EDF.PA: Quotazione) sale del 3,6% all'indomani dell'annuncio di
una revisione al rialzo delle tariffe da parte dell'utility
francese.