BORSE EUROPA - Indici attorno a parità dopo fiducia Usa

venerdì 30 luglio 2010 16:29
 

                             indici              chiusura 
                           alle 16,20    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.742,67    -0,37%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.045,48    -0,14%    1.045,76 
Stoxx banche             222,81    -0,44%      221,27 
Stoxx oil&gas            296,63    +0,10%      330,54 
Stoxx tech               193,42    +0,07%      184,35 
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 30 luglio (Reuters) - Le borse europee recuperano
terreno, portandosi attorno alla parità, dopo la pubblicazione
dell'indice sulla fiducia Thomson Reuters/Università del
Michigan di luglio, poco sopra le attese.
 In precedenza, i mercati avevano registrato la delusione per
la prima stima del Pil Usa nel secondo trimestre. Ne avevano
risentito soprattutto i settori ciclici.
 Attorno alle 16,20 italiane, l'indice europeo FTSEurofirst
300 .FTEU3 perde lo 0,1% circa. L'indice Ftse 100 britannico
.FTSE cede lo 0,4% circa, il Dax tedesco .GDAXI è attorno
alla parità, così come il Cac 40 francese .FCHI.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Nel contesto di un paniere dell'automotive 
positivo, RENAULT (RENA.PA: Quotazione) brilla dopo aver archiviato il primo
semestre in utile.
 * Segno meno per le banche , con l'austriaca ERSTE
GROUP (ERST.VI: Quotazione) in netto calo dopo aver archiviato il secondo
trimestre con risultati sotto le attese, a causa delle
sofferenze superiori a quanto previsto e della tassa sulle
banche introdotta in Ungheria.
 * Soffrono le società minerarie  e ancor più le
costruzioni , con la spagnola ACCIONA (ANA.MC: Quotazione) che cade
dopo aver deluso le stime sui risultati semestrali. Male, nel
comparto, anche la francese LAFARGE LAFP.PA, che ha fornito un
outlook sull'anno accolto negativamente dal mercato.
 * RHODIA RHA.PA si difende all'interno di un paniere delle
società chimiche  in rosso: il gruppo francese ha
preannunciato un raddoppio dell'Ebitda a fine anno.
 * Limitano le perdite i comparti tradizionalmente difensivi,
ovvero food&beverage  e healthcare , con MERCK
(MRCG.DE: Quotazione) che beneficia di alcuni upgrade.
 * In calo il paniere delle società finanziarie , con
BME (BME.MC: Quotazione) che arranca, sebbene la società che controlla la
borsa di Madrid abbia archiviato il semestre con risultati poco
sopra le attese.
 * All'interno di uno stoxx delle conglomerate industriali
 poco mosso, BAKAERT (BEKB.BR: Quotazione), produttore belga di cavi
di acciaio, vola grazie ad un semestre con utili superiori alle
attese degli analisti.
 * Giù le assicurazioni , con AGEAS (AGES.BR: Quotazione) in
particolare sofferenza dopo che Citi ne ha tagliato il target
price.
 * In rosso i media , con UNITED BUSINESS MEDIA
(UBM.L: Quotazione) che crolla dopo la pubblicazione dei risultati
semestrali.
 * Il produttore di turbine GAMESA  (GAM.MC: Quotazione) va in picchiata,
dopo aver peggiorato le previsioni sulle vendite 2010 e 2011. Il
comparto energetico , nel complesso, è positivo.
 * Al palo il lusso , con L'OREAL (OREP.PA: Quotazione) negativa
nella giornata in cui la polizia francese ha interrogato il
nuovo amministratore del patrimonio di Liliane Bettencourt,
azionista di maggioranza del gruppo attivo nella cosmesi.
 * Poco mosso il retail , che vede INCHCAPE (INCH.L: Quotazione)
in netto ribasso, così come i tecnologici , stoxx in cui
brilla ALCATEL LUCENT ALUA.PA: nonostante un rallentamento
delle vendite nel secondo trimestre, il gruppo ha confermato gli
obiettivi per il 2010. A trascinare Alcatel anche l'annuncio
dell'operatore telefonico AT&T (T.N: Quotazione), che l'ha inserito tra i
fornitori chiave delle reti.
 * Nel quadro di un paniere delle tlc  piatto, tonica
BELGACOM BCOM.BR dopo aver alzato le previsione sui ricavi
dell'anno.
 * In rialzo BRITISH AIRWAYS BAY.L, che fa meglio dello
stoxx dei viaggi e del tempo libero , dopo la diffusione
di una trimestrale su cui hanno pesato gli effetti della nube
vulcanica islandese. Nonostante questo, la compagnia aerea ha
registrato un aumento dei ricavi passeggero/miglia, ha tenuto
invariati i costi e ha mantenuto inalterato l'obiettivo
break-even per il 2010.
 * Poco mosse le utilities , con EDF (EDF.PA: Quotazione)
brillante dopo l'annuncio dei risultati del secondo semestre,
migliori delle attese.