BORSE EUROPA - Indici in rialzo ma limitati da fiducia Usa

martedì 27 luglio 2010 16:44
 

                             indici              chiusura 
                          alle 16,30    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.772,74    +1,08%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.055,34    +0,60%    1.045,76 
Stoxx banche             224,74    +4,40%      221,27 
Stoxx oil&gas            299,78    -0,14%      330,54 
Stoxx tech               196,63    -0,66%      184,35 
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 27 luglio (Reuters) - Gli indici delle principali
piazze europee si trattengono in territorio positivo, pur
ritracciando l'accelerazione segnata con l'apertura di Wall
Street dopo la pubblicazione dell'indice della fiducia dei
consumatori Usa di luglio al di sotto delle attese.
 A fare da supporto ai listini sono le banche , in
rialzo del 4,4% sostenute dalle trimestrali di Ubs UBSN.VX e
di Deutsche Bank (DBKGn.DE: Quotazione), e le assicuratrici , su del
2,3%.
 Intorno alle 16,30 l'indice europeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 sale dello 0,6%. L'indice Ftse 100 britannico .FTSE
avanza dello 0,41%, il Dax tedesco .GDAXI dello 0,36% e il Cac
40 francese .FCHI dell'1,1%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * UBS UBSN.VX brilla in rialzo di oltre il 10% dopo la
diffusione dei risultati nel secondo trimestre, chiusosi con un
utile di 2 miliardi di franchi svizzeri, sopra le attese grazie
ai forti ricavi sulle attività titoli e cambi. I deflussi sono
scesi al livello più basso su base trimestrale dall'inizio del
2008.
 * Bene anche DEUTSCHE BANK (DBKGn.DE: Quotazione), che sale del 4,7%
dopo la diffusione dei risultati del secondo trimestre, chiuso
con un utile pre tasse di 1,52 miliardi di euro, in linea con le
attese, grazie ai minori accontonamenti e a fronte di una debole
attività di investment banking.
 * DAIMLER (DAIGn.DE: Quotazione) cede oltre il 4%. La casa
automobilistica tedesca ha alzato le previsioni per l'Ebit del
gruppo a 6 miliardi e ha presentato risultati per il secondo
trimestre positivi, ma al di sotto delle attese.
 * BP (BP.L: Quotazione) arretra di oltre il 3% dopo l'annuncio delle
dimissioni dell'AD Tony Hayward, a cui dal primo ottobre
subentrerà il direttore esecutivo Robert Dudley. Le trattative
con la Casa Bianca per il fondo di compensazione da 20 miliardi
di dollari dovrebbero concludersi entro fine agosto. I costi
legati alla marea nera pari a 32,2 miliardi di dollari pesano
nei conti del secondo trimestre con una perdita di 16,97
miliardi di dollari.
 * FRESENIUS MEDICAL CARE (FMEG.DE: Quotazione) sale del 4,5% circa
posizionandosi in testa al Dax tedesco. Le nuove regole difinite
dal programma Usa Medicare, che lega i pagamenti dei servizi di
dialisi renale a standard di perfomance, sono viste come
favorevoli per la società, prima al mondo per queste terapie.
 * INTERCONTINENTAL HOTELS (IHG.L: Quotazione) cede il 7,7% dopo che
Barclays Capital per conto dei fratelli David and Frederick
Barclay ha venduto la quota del 10,4% nella catena di alberghi
per 335 milioni di sterline
 * DANONE (DANO.PA: Quotazione) cede oltre il 4%. Il gruppo alimentare
francese ha messo a segno risultati trimestrali migliori delle
attese, ma resta prudente sugli obiettivi di crescita nel
secondo semestre, a fronte delle difficoltà di uscita dalla
crisi dei consumi europei.