BORSE EUROPA - Indici limano rialzi dopo indebolimento Wall St

mercoledì 21 luglio 2010 15:59
 

                             indici              chiusura 
                          alle 15,55    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.641,43    +0,54%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.018,17    +1,15%    1.045,76 
Stoxx banche             204,91    +1,13%      221,27 
Stoxx oil&gas            289,88    +1,17%      330,54 
Stoxx tech               196,09    +0,97%      184,35
----------------------------------------------------------------
 PARIGI, 21 luglio (Reuters) - Le piazze europee scivolano
sotto i massimi, pur restando positive, dopo l'inversione di
tendenza a Wall Street. La borsa Usa volge infatti in lieve calo
a meno di mezz'ora da un'apertura positiva sulla forza dalle
solide trimestrali di big della finanza come Morgan Stanley
(MS.N: Quotazione) e Wells Fargo (WFC.N: Quotazione).
 Intorno alle 15,45 l'indice europeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 guadagna l'1,15%. Sui singoli mercati il Ftse 100
britannico .FTSE guadagna l'1,29%, il Dax tedesco .GDAXI si
allontana dai massimi a +0,28% e il Cac 40 francese .FCHI sale
dello 0,72%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Torna di attualità l'ottimismo sui risultati degli stress
test, che dà energia al rally dei bancari insieme alle buone
notizie portate da Morgan Stanley e Wells Fargo. Corrono oltre
il 3% Barclays (BARC.L: Quotazione), Credit Suisse CSGN.VX e Societe
Generale (SOGN.PA: Quotazione).
 * Registra un rialzo vicino all'1% GlaxoSmithKline (GSK.L: Quotazione) a
dispetto di un crollo pari al 92% degli utili dovuto a spese
legali. La farmaceutica ha superato le previsioni sul fatturato
e aumentato il dividendo del 7%, oltre ad essersi definita
fiduciosa per il resto dell'anno.
 * Sale del 3% Thyssen Krupp (TKAG.DE: Quotazione), miglior titolo fra le
blue chip tedesche dopo la notizia di un incremento del 28%
della produzione globale di acciaio nella prima metà dell'anno.
Tonica a +2,4% anche ArcelorMittal (ISPA.AS: Quotazione).
 * Svetta anche oggi il comparto delle materie prime ,
a +2,7% con Antofagasta (ANTO.L: Quotazione) Xstrata XTA.L a +4,1%, Rio
Tinto (RIO.L: Quotazione) a +1,8% e Anglo-American (AAL.L: Quotazione) a +2,1%.
 * Cade invece di oltre quattro punti percentuali la
farmaceutica svizzera Roche ROG.VX dopo il rifiuto da parte di
un panel americano del farmaco più venduto per il trattamento
del cancro, Avastin. Il danno viene valutato in una perdita del
fatturato fino a 1 miliardo di dollari.
 *