BORSE EUROPA-Indici in calo,dati Usa,Irlanda pesano su sentiment

lunedì 19 luglio 2010 10:15
 

                             indici              chiusura 
                          alle 10,00    var.         2009 
----------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.637,96    -0,29%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.008,64    -0,42%    1.045,76 
Stoxx banche             200,45    -1,05%      221,27 
Stoxx oil&gas            287,36    -1,43%      330,54 
Stoxx tech               196,11    +0,24%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 19 luglio (Reuters) - Le piazze europee aprono in
moderato calo, con le deludenti trimestrali Usa e il calo della
fiducia dei consumatori americani di venerdì che hanno
peggiorato l'umore degli investitori, motivi ai quali si è
aggiunto il downgrade dell'Irlanda da parte di Moody's.
 "Gli investitori stanno cercando di valutare il grado del
rallentamento della ripresa degli ultimi 12 mesi. L'azionario è
diventato estremamente sensibile ai dati economici e ogni volta
che ne viene pubblicato uno, viene guardato con attenzione. Il
mercato verosimilmente rimarrà molto volatile", ha detto Keith
Bowman, analista di Hargreaves Lansdown.
 I finanziari  segnano un calo dell'1,2 %, assieme
alle auto , giù di 1,5%. 
 Intorno alle 10,00 l'indice europeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 perde lo 0,42%. Sui singoli mercati il Ftse 100
britannico .FTSE cala dello 0,46%, il Dax tedesco .GDAXI
dello 0,13% e il Cac 40 francese .FCHI dello 0,10%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Tra i finanziari sono particolarmente colpite le banche
austriache, più esposte sul fronte dell'europa orientale, dopo
che Fmi e Ue hanno sospeso sabato le trattative per proseguire
nel piano di finanziamento dell'Ungheria fino a che non prenderà
azioni per tagliare il suo deficit, con REIFFSEN RIBH.VI ed
ERSTE GRP BANK (ERST.VI: Quotazione) giù del 4,7% e del 2,5%. Male anche le
irlandesi con BANK OF IRELAND (BKIR.I: Quotazione) e ALLIED IRISH BANK
(ALBK.I: Quotazione) in calo del 4,3% e del 3,4% circa.
 * BRITISH PETROLEUM (BP.L: Quotazione) torna a cadere, oggi di oltre il
5%, a causa di una perdita di petrolio individuata dagli
ingegneri dopo l'ennesimo tentativo di contenimento della
perdita di greggio nel Golfo del Messico che sembrava essere
andato a buon fine.
 * PORTUGAL TELECOM PTC.LS apre in ribasso (-3,3%), dopo
che l'operatore di telecomunicazioni spagnolo TELEFONICA
(TEF.MC: Quotazione) 8-0,28%) nel fine settimana ha ritirato la sua offerta
per acquistare la quota nella brasiliana VIVO VIVO4.SA.
 * PHILIPS (PHG.AS: Quotazione), gruppo olandese di elettronica, cede il
3,2% dopo la pubblicazione della trimestrale, che comunque ha
battuto per la sesta volta consecutiva le attese di mercato. I
ricavi sono stati pari a 6,2 miliardi di euro, l'Ebitda è salito
a 527 milioni ed è atteso nel 2010 sopra il 10%, mentre gli
utili netti sono stati di 262 milioni.
 * AQUARIUS PLATINUM AQP.AX AQP.L crolla di oltre il 15%
per effetto della direttiva del Sud Africa che proibisce le
tecniche di estrazione usate dalla società nei giacimenti del
Bushveld. Il quarto produttore di platino al mondo ha detto che
non si aspettava questa decisione, il cui impatto sulla
sicurezza a suo parere non sarà determinante, e di non essere
ancora in grado di stimarne i costi.
 * INTERNATIONAL POWER IPR.L e GDF SUEZ GSZ.PA avanzano
rispettivamente del 7,3% e dell'1,3%. Le due società hanno
ripreso le trattative interrotte a inizio anno su uno scambio
azionario che porterebbe l'inglese a fare un'emissione riservata
alla francese, che ne diventerebbe così la controllante.
 * CLUB MED CMIP.PA cede l'1,3% dopo che il Sunday Times ha
scritto di una manifestazione di interesse da parte di Brunei
Investment per 800 milioni di euro.