BORSE EUROPA - Indici estendono calo, persistono timori crescita

giovedì 15 luglio 2010 16:46
 

                              indici              chiusura 
                           alle 16,40    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.702,02     -1,35%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.032,74     -1,16%    1.045,76 
Stoxx banche             208,81     -1,92%      221,27 
Stoxx oil&gas            293,90     -1,18%      330,54 
Stoxx tech               198,76     -0,98%      184,35 
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 15 luglio (Reuters) - Le borse europee si avviano ad
archiviare in negativo la sessione di oggi, dopo aver tentato un
recupero dopo i solidi risultati di Jp Morgan (JPM.N: Quotazione),
penalizzate dai timori di una frenata della crescita
dell'economia globale anche alla luce del rallentamento della
produzione industriale Usa e dell'andamento sotto le attese
dell'indice della Fed di Filadelfia.
 "Da un lato abbiamo solidi risultati molto incoraggianti
dalle principali società, dall'altro c'è il persistere dei
timori sulla forza della ripresa economica", ha detto Luc Van
Hecka, capo economista per Kbc Securities.
 Rispetto a questa mattina gli indici si confermano
penalizzati sia dalle minerarie , in flessione dell'1,7%,
sia dalle banche , giù dell'1,9%.
Intorno alle 16,40 l'indice europeo FTSEurofirst 300 .FTEU3
è in calo dell'1,16%. L'indice Ftse 100 britannico .FTSE cede
l'1,08%, il Dax tedesco .GDAXI l'1,10% e il Cac 40 francese
.FCHI l'1,46%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * PORTUGAL TELECOM PTC.LS avanza del 2,4% dopo un balzo di
quasi il 5%. Voci di mercato, che l'operatore di telefonia
portoghese non ha voluto commentare, citavano il raggiungimento
di un accordo per la vendita della partecipazione nell'operatore
brasiliano VIVO VIVO4.SA alla spagnola TELEFONICA (TEF.MC: Quotazione),
giù dell'1%. Il board di PT, dopo oggi, si riunirà anche domani
per discutere della questione, riferisce una fonte.
 * PIREAUS BANK (BOPr.AT: Quotazione) su del +12% ha lanciato un'offerta
sulle banche di stato ATEbank AGBr.AT ed HELLENIC BANK
(GPSr.AT: Quotazione) per un totale di 701 milioni di euro.
 * Il colosso farmaceutico GLAXOSMITHKLINE (GSK.L: Quotazione) avanza
dell'1,3%, dopo aver annunciato di aver risolto gran parte delle
cause legate alla pillola per la cura del diabete Avandia e che
dovrebbero costare all'azienda 1,57 miliardi di sterline.
L'esborso, che pure si mangerà buona parte dei profitti del
secondo trimestre, lascerà la società più libera di crescere in
futuro.
 * La catena di abbigliamento svedese HENNES & MAURITZ (H&M)
(HMb.ST: Quotazione) sale dello 0,75% dopo aver annunciato vendite a giugno
a perimetro costante sì in rialzo del 9% ma inferiori alle
attese che le vedevano a +9,6%.
 * La tedesca CONERGY CGYG.DE, società nel business del
fotovoltaico, guadagna il 5,5%. Il quotidiano economico tedesco
Handelsblatt riferisce che il fondo d'investimento statunitense
York Capital sta valutando una partecipazione.
 * MOTHERCARE (MTC.L: Quotazione), distributore britannico di prodotti
per l'infanzia, cede il 3,7% dopo vendite inferiori alle attese
e la scelta di puntare di più su prodotti a basso prezzo.
 * La francese EUROFINS SCIENTIFIC (EUFI.PA: Quotazione), specializzata
nell'analisi agroalimentare, guadagna il 13%, dopo l'annuncio di
un "miglioramento delle performance operative e dei ricavi" nel
secondo trimestre del 2010.