BORSE EUROPA - Indici in ribasso, male banche e minerari

giovedì 15 luglio 2010 10:21
 

                             indici              chiusura 
                           alle 10,05    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.729,17     -0,36%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.042,67     -0,26%    1.045,76 
Stoxx banche             210,52     -1,1%      221,27 
Stoxx oil&gas            297,58     +0,21%      330,54 
Stoxx tech               199,46     -0,63%      184,35 
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 15 luglio (Reuters) - Le borse europee in negativo
nella prima parte del mattino, sulla scia dei ribassi delle
piazze asiatiche e in attesa della trimestrale del colosso
bancario JPMorgan (JPM.N: Quotazione), che verrà diffusa nella giornata di
oggi, e del dato settimanale sulle richieste dei sussidi di
disoccupazione in Usa. 
 A pesare sugli indici i dettagli della riunione del
consiglio monetario della Fed, che hanno fatto riemergere tra
gli investitori i timori di una ripresa economica debole.
 "Da un lato abbiamo risultati molto incoraggianti dalle
principali compagnie, dall'altro permangono i timori sulla forza
della ripresa economica" ha detto Luc Van Hecka, responsabile
finanziario di KBC Securities.
 Per quanto riguarda i settori, lo Stoxx paneuropeo delle
materie prime  guida le perdite insieme ai bancari
. Leggermente positivi gli energetici  mentre i
tecnologici  sono in calo.
Intorno alle 10,05 ora italiana l'indice europeo FTSEurofirst
300 .FTEU3 è in calo dello 0,26. L'indice Ftse 100 britannico
.FTSE cede lo 0,44%, il Dax tedesco .GDAXI lo 0,38% e il Cac
40 francese .FCHI lo 0,39%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 La tedesca CONERGY CGYG.DE, società nel business del
fotovoltaico, guadagna il 10% a seguito della notizia, riportata
dal quotidiano economico Handelsblatt, secondo cui il fondo
d'investimento statunitense York Capital, sta valutando una
partecipazione.
 Male BT GROUP (BT.L: Quotazione), che cede l'1,8% dopo che Deutsche Bank
ha retrocesso il titolo a "hold" da "buy" e ha snellito le
previsioni sui ricavi.
 MOTHERCARE (MTC.L: Quotazione), distributore britannico di prodotti per
l'infanzia, cede il 5,7% dopo dati sulle vendite più bassi delle
attese e la scelta di puntare di più su prodotti a basso prezzo.
 LOGITECH LOGN.VX perde lo 0,52% dopo che Citigroup ha
tagliato il price target a 17 da 18,50 franchi svizzeri,
mantenendo il rating "hold".
 Il colosso farmaceutico NOVARTIS NOVN.VX sale dell'1,21%,
a seguito della diffusione dei ricavi per azione del secondo
trimestre, saliti del 18%, in maniera  superiore alle attese.
 La francese EUROFINS SCIENTIFIC (EUFI.PA: Quotazione), specializzata
nell'analisi agroalimentare, guadagna il 15%, dopo l'annuncio di
un "miglioramento delle performance operative e dei ricavi" nel
secondo trimestre del 2010.