BORSE EUROPA - Indici incerti, bene banche, giù farmaceutici

venerdì 18 giugno 2010 16:07
 

                             indici              chiusura 
                           alle 16,05   var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.727,91     inv      2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.043,03    +0,10%    1.045,76 
Stoxx banche             206,83    +2,53%      221,27 
Stoxx oil&gas            295,02    -0,32%      330,54 
Stoxx tech               203,47    +0,53%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 18 giugno (Reuters) - L'azionario europeo si muove
incerto nel pomeriggio, sulla scia dell'avvio poco mosso di Wall
Street.
 A fronte di un settore bancario forte, fa da contraltare la
debolezza di alcuni big farmaceutici.
 La volatilità è accresciuta dalla quadrupla scadenza tecnica
degli Usa di futures e opzioni. 
 "C'è stato un piccolo cambio di sentiment. Sembra che lo
sforzo di politica monetaria stia cominciando a dare frutti",
spiega Mike Lenhoff di Brewin Dolphin Securities. 
 L'indice Ftse Eurofirst 300 .FTEU3 guadagna lo 0,24%,
l'Eurostoxx 50 è inchiodato alla parità. Londra .FTSE sale
dello 0,18%, mentre Parigi .FCHI e Francoforte .GDAXI sono
piatte.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * I bancari sono tonici con rialzi consistenti per BBVA
(BBVA.MC: Quotazione), CREDIT AGRICOLE (CAGR.PA: Quotazione) e SOCGEN (SOGN.PA: Quotazione) tra il
2,5% e il 4%. 
 SANTANDER (SAN.MC: Quotazione), che oggi ha confermato di aver fatto
un'offerta per 300 filiali britanniche di ROYAL BANK OF SCOTLAND
(RBS.L: Quotazione), sale di poco meno del 3%. 
 * Male il comparto farmaceutico. SANOFI-AVENTIS (SASY.PA: Quotazione)
cede circa il 3% dopo che uno studio italiano ha ravvivato i
timori su un possibile collegamento tra il suo farmaco contro il
diabete e il cancro. 
 Nel settore ROCHE ROG.VX perde il 2,5% dopo il rinvio di
almeno 12-18 mesi dello sviluppo di un farmaco contro il diabete
per problema di ipersensitività riscontrati in alcuni pazienti.
 * BP (BP.L: Quotazione) in gran spolvero in mattinata, ha praticamente
azzerato i guadagni. 
 * PORSCHE (PSHG_p.DE: Quotazione) ritraccia dai massimi della mattina
propiziati dalla diffusione di buoni risultati nei nove mesi,
con un incremento delle vendite dell'11,8% a 5,2 miliardi di
euro e un utile operativo di 1,5 miliardi.
 * Denaro su BMW (BMWG.DE: Quotazione) e DAIMLER (DAIGn.DE: Quotazione) dopo che
Credit Suisse ha migliorato il target price di entrambi i titoli
automobilistici. Il broker prevede per il secondo trimestre
vendite sui livelli di fine 2007 e inizio 2008, il massimo del
ciclo.