BORSE EUROPA - Indici volatili, restano timori debito zona euro

martedì 8 giugno 2010 10:28
 

                             indici              chiusura 
                          alle 10,15    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.526,27    -0,15%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3        990,12    -0,04%    1.045,76 
Stoxx banche             185,74    -0,21%      221,27 
Stoxx oil&gas            293,84    -0,57%      330,54 
Stoxx tech               196,28    +0,15%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 8 giugno (Reuters) - Le piazze europee hanno un
andamento volatile: da un lato i commenti del presidente della
Federal Reserve hanno un effetto tranquillizzante sui mercati
mentre dall'altro ci sono i timori sul perdurare della questione
debitoria della zona euro.
 "Bernanke ha escluso una recessione a doppio minimo, che era
una delle questioni principali. I mercati hanno esagerato con la
crisi debitoria della zona euro e i commenti di Bernanke hanno
contribuito a calmarli", ha detto Heino Ruland di Ruland
Research a Francoforte.
 Il presidente Fed ha detto ieri che i leader europei si sono
impegnati ad assicurare la sopravvivenza dell'euro e hanno
abbastanza soldi per contribuire agli impegni dei paesi più
indebitati, aggiungendo che la ripresa dell'economia Usa ha
abbastanza accelerazione per evitare una recessione a W.
 Intorno alle 10,15 l'indice europeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 perde lo 0,04%. Sui singoli mercati il Ftse 100
britannico .FTSE cala dello 0,21%, il Dax tedesco .GDAXI
dello 0,06% e il Cac 40 francese .FCHI dello 0,09%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Le energetiche tedesche, in particolare E.ON (EONGn.DE: Quotazione) e
RWE AG (RWEG.DE: Quotazione) in calo rispettivamente del 2,9% e dell'2,2%,
scontano l'annuncio di Berlino di voler tassare gli utili degli
operatori nucleari domestici. In flessione anche la francese EDF
(EDF.PA: Quotazione) che cede l'1,2%.
 * CHLORIDE GROUP CHLD.L, specializzata in prodotti di
protezione e continuità nei blackout elettrici, balza del 18%
circa, dopo l'accordo con il gruppo svizzero di ingegneria ABB
ABBN.VX che la acquisirà per 860 milioni di sterline.
 * CENTAMIN EGYPT (CEY.L: Quotazione) balza di quasi il 5%. La società
specializzata nell'estrazione dell'oro ha rialzato le sue stime
sulle riserve auree del suo progetto Sukari di 699.000 once a un
totale di 1,99 milioni di once.
 * AGGREKO (AGGK.L: Quotazione) sale di circa il 4%. Il gruppo energetico
britannico ha detto che la sua performance annua sarà
significativamente superiore alle attese.
 * La produttrice di elettrodomestici tedesca SIEMENS
(SIEGn.DE: Quotazione) sale dell'1,6% circa. Goldman Sachs ha alzato il
target price del titolo a 115 euro da 95.
 * TITAN EUROPE TSW.L avanza del 9%. La produttrice di
ruote tedesca ha diffuso i risultati 2009 in linea con le attese
e ha rivisto al rialzo il 2010, con i ricavi dei primi 4 mesi
pari a 103 milioni di sterline, 10 milioni più elevati delle
attese.