BORSE EUROPA - Indici in rosso, pesano Asia e Usa, dubbi ripresa

mercoledì 2 giugno 2010 09:50
 

                             indici              chiusura 
                           alle 9,45    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.578,25    -1,09%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3        995,97    -0,68%    1.045,76 
Stoxx banche             192,27    -0,95%      221,27 
Stoxx oil&gas            291,70    -1,53%      330,54 
Stoxx tech               196,28    -0,54%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 2 giugno (Reuters) - Le borse europee viaggiano in
territorio negativo sulla scia delle perdite delle piazze di Usa
e Asia, con gli investitori che continuano a evitare rischi,
scossi dai dubbi sulla velocità della ripresa economica globale.
 Il Dow Jones .DJI ieri ha chiuso in calo dell'1,11%,
mentre sulla piazza giapponese il Nikkei ha segnato una
flessione dell'1,12%.
 Perdono terreno le petrolifere , giù dell'1,53%,
sulle quali continua a pesare British Petroleum (BP.L: Quotazione), assieme
alle mienrarie  in calo dell'1,6%.
 Intorno alle 9,45 l'indice europeo FTSEurofirst 300 .FTEU3
perde lo 0,68%. Sui singoli mercati il Ftse 100 britannico
.FTSE cala dell'1,35%, il Dax tedesco .GDAXI dello 0,98% e
il Cac 40 francese .FCHI dell'1,18%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * TELEFONICA (TEF.MC: Quotazione) cede l'1,2%, mentre PORTUGAL TELECOM
PTC.LS balza di oltre il 5%, dopo che la società spagnola di
telecomunicazioni ha alzato la posta per l'acquisizione della
quota dell'operatore brasiliano Vivo VIVO4.SA a 6,5 miliardi
di euro da 5,7 miliardi.
 * PRUDENTIAL (PRU.L: Quotazione) cede il 3,3%, Il colosso delle
assicurazioni inglese ha detto di essere in trattative per
ritirare l'offerta per la divisione asiatica di Aig (AIG.N: Quotazione) e,
se questo sarà il caso, non procederà nell'aumento di capitale
previsto per finanziare l'operazione.
 * BRITISH PETROLEUM (BP.L: Quotazione) cede il 3,3%. Ieri il governo
americano ha annunciato di voler aprire un'inchiesta sul
disastro della fuoriuscita di petrolio nel golfo del messico.
 * BMW (BMWG.DE: Quotazione) avanza dello 0,6% in controtendenza col
paniere tedesco Dax. PEUGEOT CITROEN (PEUP.PA: Quotazione), giù del 2%
circa, ha detto che la cooperazione tra le due case
automobilistiche è assolutamente efficace e che non è necessario
uno scambio di pacchetti azionari.
 * Le minerarie KAZAKHMYS (KAZ.L: Quotazione), ANGLO AMERICAN AA.L,
RANDGOLD RESOURCES (RRS.L: Quotazione) e BHP BILLITON (BLT.L: Quotazione) arretrano
tutte oltre il 2%. L'avversione al rischio si sta riflettendo
sull'andamento dei prezzi dei metalli, in calo a partire da rame
MCU3 e alluminio MAL3, oltre a zinco, piombo e nickel.