BORSE EUROPA-Indici peggiorano a minimi da 8 mesi, timori debito

venerdì 21 maggio 2010 15:52
 

                             indici              chiusura 
                          alle 15,45    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.519,80    -1,94%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3        953,76    -2,16%    1.045,76 
Stoxx banche             187,95    -1,78%      221,27 
Stoxx oil&gas            293,36    -2,83%      330,54 
Stoxx tech               188,05    -0,69%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 21 maggio (Reuters) - Le piazze europee viaggiano
sui minimi da otto mesi, penalizzate dai soliti timori per la
crisi debitoria della zona euro e dalle più rigide norme che si
stanno abbattendo sui mercati finanziari in tutto il mondo.
 Intorno alle 15,40 l'indice europeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 perde il 2,16%. L'indice ha perso oltre il 5% nelle
ultime due sedute e il 14% dai massimi toccati cinque settimane
fa. Qualche cenno di miglioramento dopo l'apertura di Wall
Street.
 Sui singoli mercati il Ftse 100 britannico .FTSE cala del
2,1%, il Dax tedesco .GDAXI del 2,8% e il Cac 40 francese
.FCHI del 2,4%.
 "La gente teme che le prospettive di crescita della zona
euro rallenteranno in modo significativo per molti anni. C'è uno
scenario secondo il quale l'Europa potrebbe essere la regione
con crescita più bassa del mondo", osserva un broker.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Fra i più colpiti i titoli petroliferi con BP (BP.L: Quotazione) che
perde il 3,8% dopo che alcuni politici Usa hanno accusato il
gruppo di coprire la vera estensione della perdita di petrolio
che sta uscendo dalla piattaforma affondata nel Golfo del
Messico.
 * Positivi, invece i titoli minerari, dopo che Hsbc ha
alzato la raccomandazione su XSTRATA XTA.L, mentre l'ha
confermata su RIO TINTO (RIO.L: Quotazione). I due titoli salgono
rispettivamente del 2,3 e dell'1,4%.
 * BRITISH AIRWAYS BAY.L cede l'1,7%. Il vettore inglese ha
chiuso l'anno che termina a marzo con una perdita record di 531
milioni, penalizzato da scioperi e nevicate, pur vedendo il
break even nel 2010/2011.
 * La tedesca AIR BERLIN (AB1.DE: Quotazione) sale dell'1,5%, dopo il
parere positivo degli analisti di DZ Bank e NordLB che nel 2010
si aspettano un miglioramento degli utili a fronte di un aumento
di domanda e ricavi e di un contenimento dei costi .
 * L'assicuratrice danese TRYGVESTA (TRYG.CO: Quotazione) perde oltre il
10%, dopo aver annunciato un'inattesa perdita ante imposte nel
primo trimestre per 113 milioni di corone danesi ed aver
abbassato la guidance sugli utili 2010.
 * KPN (KPN.AS: Quotazione) avanza del 2%. Il gruppo di telecomunicazioni
olandese ha annunciato di voler accelerare il suo programma di
buy back di azioni approfittando del basso andamento del
mercato.