11 maggio 2010 / 14:23 / tra 7 anni

BORSE EUROPA - Listini in calo, male bancari e minerari

                             indici              chiusura 
                           alle 15,45   var.         2009  --------------------------------------------------------------- EuroStoxx50 .STOXX50E       2.702,33    -1,98%    2.966,24  FTSEurofirst300 .FTEU3      1.023,71    -1,45%    1.045,76  Stoxx banche .SX7P            205,90    -3,40%      221,27  Stoxx oil&gas .SXEP           316,47    -1,55%      330,54  Stoxx tech .SX8P              199,23    -1,12%      184,35 ----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 11 maggio (Reuters) - Le piazze europee continuano a nuoversi al ribasso, per il persistere dei timori sulla capacità della Grecia di ridurre il proprio deficit, annullando parte dei guadagni di ieri, quando l‘indice era balzato del 7,4%.
 Ad aumentare il nervosismo dei mercati ha contribuito il Fondo monetario, che ha sottolineato che per quanto il debito pubblico greco sia sostenibile nel medio termine, la nazione si trova di fronte molteplici rischi. 
 Ieri sera Moody’s ha inoltre detto che potrebbe tagliare il rating del Portogallo e nuovamente quello della Grecia.
 Il comparto bancario è tra i peggiori, dopo i forti guadagni di ieri, con l‘indice di settore .SX7P che cede circa il 3,4%. Molto deboli anche i minerari .SXPP, con perdite vicine al 3,5%. 
 Intorno alle 15,45 l‘indice europeo FTSEurofirst 300 .FTEU3 perde l‘1,45%. Sui singoli mercati il Ftse 100 britannico .FTSE scende dell‘1,84%, il Dax tedesco .GDAXI dello 0,63% e il Cac 40 francese .FCHI dell‘1,57%.
 Tra i titoli in evidenza:
 * CARLSBERG (CARLb.CO) guadagna quasi il 2,5% dopo aver archiviato il primo trimestre con un utile in calo, ma meno di quanto previsto dagli analisti, e dopo aver annunciato di essere riuscita a mantenere la propria quota di mercato russa nonostante una serie di rialzi dei prezzi.
 * Soffrono le compagnie aeree, che stanno facendo i conti dei danni provocati dalla nube di cenere vulcanica che ha provocato la cancellazione di numerosi voli e minaccia la cancellazione di altri.
 * JULIUS BAER BAER.VX limita le perdite allo 0,3%, dopo aver detto che i forti flussi sono riusciti a compensare i rimpatri dei clienti dalle banche svizzere 
 * RIO TINTO (RIO.AX) (RIO.L) cede il 3,4%. La mineraria è riuscita a risolvere il problema legato a un ostacolo ambientale per poter espandere la capacità del porto di Cape Lambert, ma sul progetto resta l‘incertezza della nuova tassa sui minerari che il governo australiano vuole introdurre dal 2012.
 * DEUTSCHE POST (DPWGn.DE) sale dell‘1% dopo aver diffuso una buona trimestrale, con un Ebit di 566 milioni di euro a fornte di attese di 452 milioni di un sondaggio Reuters, e aver migliorato l‘outlook sul 2010.
 * PORTUGAL TELECOM PTC.LS avanza di quasi il 9% dopo aver annunciato di aver ricevuto e rifiutato un‘offerta da parte di TELEFONICA (TEF.MC), in calo del 5,7% dopo aver lanciato un‘Opa ostile su Vivo VIVO4.SA, il più grande operatore di telefonia mobile brasiliano.
 * EVS (EVSB.BR) perde circa il 5% dopo una trimestrale deludente. La società di servizi televisivi ha registrato un utile marginale inferiore alle attese nelle sue attività legate alle Olimpiadi invernali.
       

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below