BORSE EUROPA - Banche sostengono indici, focus resta su Grecia

lunedì 26 aprile 2010 16:15
 

                             indici              chiusura 
                           alle 16,10   var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.941,17    +0,79%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.103,14    +1,00%    1.045,76 
Stoxx banche             225,59    +1,18%      221,27 
Stoxx oil&gas            349,87    +0,90%      330,54 
Stoxx tech               216,84    +0,16%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 26 aprile (Reuters) - Le borse europee mantengono
buona parte del rialzo mostrato in mattinata, sollecitate dai
buoni dati macro Usa e dai guadagni delle banche dopo che la
Grecia ha cercato di rassicurare gli investitori che gli aiuti
arriveranno in tempo perché il paese non vada in default.
 Ieri Atene ha detto infatti che gli aiuti da parte di Ue ed
Fmi arriveranno in tempo per evitare quello che sarebbe il primo
default del debito sovrano di un paese della zona euro, sebbene
ci siano crescenti segnali che possa non bastare il pacchetto di
aiuti da 45 miliardi di euro.
 L'incertezza relativa alla Grecia ha spinto lo spread fra i
tassi dei decennali di riferimento greco e tedesco al massimo
dal febbraio 1998. 
 "(La Grecia) ha rassicurato il mercato che il rischio di un
default è molto meno probabile di quanto ritenuto la settimana
passata... ma c'è ancora un elemento di dubbio e questo è il
motivo per cui il mercato è volatile" ha detto Joshua Raymond,
market strategist di City Index.
 I settori che spingono gli indici sono quelli legati al
comparto bancario , su dell'1,25%, e alle materie prime
, in rialzo del 2,7%. 
 Intorno alle 10,00 l'indice europeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 guadagna l'1,1%. Sui singoli mercati il Ftse 100
britannico .FTSE avanza dello 0,78%, il Dax tedesco .GDAXI
dell'1,16% e il Cac 40 francese .FCHI dell'1,13%.
     
 Tra i titoli in evidenza:
 * BALCLAYS (BARC.L: Quotazione) mantiene e amplia i guadagni della
mattina con un guadagno del 3,1%. Così BNP PARIBAS (BNPP.PA: Quotazione) in
rialzo del 2,6%, mentre altri bancari riducono il prcedente
rialzo come BANCO SANTANDER (SAN.MC: Quotazione), BBVA (BBVA.MC: Quotazione), LLOYD'S
(LLOY.L: Quotazione) che guadagnano fra lo 0,8% e il 2%. Societe Generale
(SOGN.PA: Quotazione) e Deutsche Bank (DBKGn.DE: Quotazione) salgono di circa l'1,5% e
HSBC (HSBA.L: Quotazione) dello 0,8% 
 * BANK OF IRELAND (BKIR.L: Quotazione) riduce invece il calo a 3,2%
colpita dal lancio di un aumento di capitale.
 * Nel segno della tonicità anche gli energetici, con BP
(BP.L: Quotazione), BG BG.L, TOTAL (TOTF.PA: Quotazione) ed ENI (ENI.MI: Quotazione) che mostrano
un rialzo compreso fra 0,3% e 1,8%. 
 * Fra i minerari, MINERS ANGLO AMERICAN (AAL.L: Quotazione), KAZAKHMYS
(KAZ.L: Quotazione), BHP BILLITON (BLT.L: Quotazione), XSTRATA XTA.L e RIO TINTO
(RIO.L: Quotazione) salgono fra 1,5% e 3,2%.
 * Il conglomerato industriale SIEMENS (SIEGn.DE: Quotazione) sale di
circa il 4% dopo che una rivista tedesca, citando fonti, ha
detto che la società dovrebbe rialzare le sue stime di utili e
mettere a segno guadagni record nel periodo 2009-2010.
 * CHLORIDE GROUP CHLD.L mantiene il consistente rialzo di
oltre il 40%. La società che si occupa di protezione
dell'energia ha ricevuto un'offerta da 723 milioni di sterline
da parte di Emerson Electric (EMR.N: Quotazione), che con questo acquisto
intende rafforzarsi in Europa.
 * La francese Air Liquide (AIR.PA: Quotazione) sale dell'1,7% dopo aver
riportato vendite trimestrali in rialzo. 
 * Riduce il calo ma resta in negativo UCB (UCB.BR: Quotazione) che perde
quasi il 3,1%. La società farmaceutica è ai suoi minimi da 11
settimane dopo aver annunciato che la commercializzazione del
suo Neupro, medicinale per il morbo di Parkinson, potrebbe
slittare di due anni.
 * Amplia la scivolata invece BSkyB BSY.L che perde il 2,4%
dopo che Jefferies ha tagliato il rating a "hold" da "buy"
perché i dati societari del primo trimestre, attesi per giovedì,
potrebbero essere deludenti.
 * Annulla il rialzo della mattina e passa in perdita REGAL
PETROLEUM (RPT.L: Quotazione), in calo del 4,7%. 
 * La produttrice di cellulari ERICSSON (ERICb.ST: Quotazione) perde
circa l'1,4%.