BORSE EUROPA - Indici piatti dopo partenza WS, tengono bancari

lunedì 12 aprile 2010 16:56
 

                             indici              chiusura 
                           alle 16,45   var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.997,78    +0,14%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.101,00    -0,07%    1.045,76 
Stoxx banche             230,15    +0,79%      221,27 
Stoxx oil&gas            348,28    -0,45%      330,54 
Stoxx tech               215,42    -0,59%      184,35 
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 12 aprile (Reuters) - Tornano a ridosso della linea
di galleggiamento gli indici delle borse europee, partiti con il
segno più per poi virare in negativo a causa dei realizzi sul
greggio.
 L'azionario procede comunque in maniera stentata, senza
nemmeno trovare spunti direzionali nella poco convincente
partenza di Wall Street.
 Tra i comparti più positivi da segnalare quello dei bancari
- Grecia in testa - dopo il lungamente atteso accordo tra
ministri finanziari della zona euro per un pacchetto d'emergenza
da 30 miliardi di euro.
 Procede invece in negativo il settore degli energetici,
penalizzato dalla correzione del greggio.
 Male fanno anche i tecnologici, mentre si difendono gli
assicurativi.
 Certamente positivo per i corsi dell'azionario europeo è
invece l'apprezzamento del cambio, arrivato ai massimi da un
mese a questa parte contro dollaro a testimonianza anche di un
leggero rientro dell'avversione al rischio.
 Intorno alle 16,45 l'indice europeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 cede lo 0,05%, mentre tra i singoli listini il Ftse 100
londinese .FTSE resiste a +0,1%, il Cac 40 di Parigi .FCHI
fa -0,06% e il Dax di Francoforte .GDAXI -0,02%.
 Tra i titoli in evidenza: 
 * In termini assoluti vere star dei listini restano le
banche greche, il cui indice di settore  arriva ad
avanzare di quasi 10%. Tra i singoli titoli si possono citare il
Efg Eurobank Ergasias EFGr.AT, in rialzo di oltre 11%, il
+9,3% di Bank of Piraeus (BOPr.AT: Quotazione), il +5,2% di Alpha Bank
(ACBr.AT: Quotazione) o il +5,5% di National Bank of Greece (NBGr.AT: Quotazione)
 
 * Sempre tra i bancari molto bene Ubs UBSN.VX, in rialzo
di circa 2,5% dopo la pubblicazione di un incoraggiante primo
trimestre. Positive anche Barclays (BARC.L: Quotazione) a +1,5%, mentre
oscilla intorno al mezzo punto percentuale il recupero di
Deutsche Bank (DBKGn.DE: Quotazione), Societe Generale (SOGN.PA: Quotazione) e Bnp
Paribas BNPP.PA>.
 * Tra i tecnoligici crolla la tedesca Infineon (IFXGn.DE: Quotazione),
in calo fino a oltre 4% a causa di prese di profitto pur in
vista di una possibile revisione al rialzo delle prospettive per
il 2010.
 
 * La britannica Home Retail Group HOME.L balza di oltre 5%
dopo le indiscrezione stampa di ieri secondo cui potrebbe essere
oggetto di un'offerta da parte di Asda, divisione alimentare di
Wal Mart (WMT.N: Quotazione). La catena di supermercati inglese Sainsbury
(SBRY.L: Quotazione) è in rialzo di quasi 3%, con Bofa Merill Lynch ha
promosso il titolo a buy da underperform.
 
 * Sempre sul listino londinese cede oltre 4% Arm Holdings
ARM.L dopo l'abbassamento del giudizio da parte di Citigroup.