BORSE EUROPA - Indici cauti dopo Wall Street, ok petroliferi

martedì 6 aprile 2010 16:33
 

                             indici              chiusura 
                          alle 16,25    var.         2009 
---------------------------------------------------------------
EuroStoxx50 .STOXX50E       2.979,27    +0,03%    2.966,24 
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.098,21    +0,38%    1.045,76 
Stoxx banche             226,50    -0,09%      221,27 
Stoxx oil&gas            347,92    +2,15%      330,54 
Stoxx tech               218,51      -         184,35 
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 6 aprile (Reuters) - Le borse europee frenano dopo
l'avvio incerto di Wall Street.
 Le indiscrezioni sulla volontà della Grecia di rivedere
l'accordo internazionale che ne ha garantito il salvataggio
dalla crisi del debito, sebbene smentite da Atene, pesano
sull'euro e su tutti i mercati del Vecchio Continente.
 Attorno alle 16,25 italiane, l'indice europeo FTSEurofirst
300 .FTEU3 avanza dello 0,34%. Tra i singoli listini, il Ftse
100 londinese .FTSE sale dello 0,46% e il Cac 40 di Parigi
.FCHI dello 0,2%, mentre il Dax di Francoforte .GDAXI perde
lo 0,02%.
 
 Tra i titoli in evidenza: 
 * Positivo l'automotive , trascinato da RENAULT
(RENA.PA: Quotazione), tonica in attesa dell'annuncio dell'alleanza con
DAILMER (DAIGn.DE: Quotazione).
 * In rosso le banche . Gli istituti greci (NATIONAL
BANK (NBGr.AT: Quotazione) e BANK OF PIRAEUS (BOPr.AT: Quotazione)) precipitano per
effetto delle pressioni sui bond governativi, risultato delle
speculazioni su difficoltà crescenti per Atene e delle
indiscrezioni su una fuga di capitali all'estero.
 * Brillante il paniere delle società legate alle materie
prime , con la francese ERAMET (ERMT.PA: Quotazione) che corre sulla
notizia che Acerinox non estenderà la cassa integrazione allo
stabilimento di Cadice, interpretata come un incremento della
produzione del gruppo attivo nell'acciaio inossidabile, lega che
richiede il nickel prodotto da Eramet.
 * Segno più per lo stoxx delle società attive nelle
costruzioni , che vede la danese FLS (FLS.CO: Quotazione)
particolarmente tonica, beneficiando, secondo gli analisti, dei
risultati del produttore di cemento cinese Sinoma (1893.HK: Quotazione).
 * All'interno di un comparto farmaceutico  negativo,
spicca la corsa di NOVO NORDISK (NOVOb.CO: Quotazione): un quotidiano danese
ha scritto che il farmaco per la cura del diabete Victoza ha
raggiunto una quota del 16% del mercato negli Usa.
 *  VOLVO (VOLVb.ST: Quotazione) guadagna oltre tre punti percentuali
grazie all'incremento del 22% registrato dalle vendite di mezzi
pesanti negli Usa a marzo.
 * Sostenuto dalla forza dei prezzi del greggio, sale il
settore dei petroliferi , che vede PETROLEUM GEO-SERVICES
(PGS.OL: Quotazione) volare grazie ai piani degli Stati Uniti per
incrementare le trivellazioni offshore. 
 * Il paniere dei petroliferi vede correre SEADRILL
(SDRL.OL: Quotazione), che ha deliberato la quotazione al Nyse, e LUNDIN
PETROLEUM (LUPE.ST: Quotazione), che ha completato lo spin-off del business
britannico sotto nome EnQuest.
 * Piatti i tecnologici , con LOGITECH LOGN.VX che
corre sull'euforia per il lancio dell'iPad targato Apple
(AAPL.O: Quotazione).
 * In calo le tlc , con VODAFONE (VOD.L: Quotazione) che lascia
sul terreno oltre punto percentuale: l'amministratore delegato
di Verizon Communications (VZ.N: Quotazione) ha detto di non vedere appeal
in una fusione con Vodafone, partner di Verizon nella joint
venture nel wireless.