BORSE EUROPA - Indici in calo, vendite su settore farmaceutico

lunedì 22 marzo 2010 09:52
 

                                indici               chiusura
                              alle 9,40      var.       2009
 ---------------------------------------------------------------
 EuroStoxx50 .STOXX50E       2.882,74    -0,52%    2.966,24
 FTSEurofirst300 .FTEU3      1.060,64    -0,45%    1.045,76
 Stoxx banche             219,69    -0,66%      221,27
 Stoxx oil&gas            330,94    -0,82%      330,54
 Stoxx tech               208,58    -0,50%      184,35
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 22 marzo (Reuters) - Apertura in calo per le Borse
in Europa dove si respira ancora un clima di incertezza riguardo
l'esito della crisi finanziaria greca. 
 È la terza seduta conscutiva di ribasso per gli indici
continentali, appesantiti anche dalle vendite sul settore
faraceutico, oggi alla prova del mercato dopo l'approvazione da
parte della Camera Usa della riforma sanitaria del presidente
Barack Obama.
 Attorno alle 9,20 italiane, l'indice europeo FTSEurofirst
300 .FTEU3 arretra dello 0,48%. Tra i singoli listini,
l'indice Ftse 100 londinese .FTSE cede lo 0,44%, il Dax di
Francoforte .GDAXI lo 0,35% e il CAC 40 parigino .FCHI lo
0,52%.
 "È chiaro che in questo preciso momento sul mercato non c'è
molta simpatia per i farmaceutici" commenta lo strategist
azionario di Cantor Fitzgerald Stephen Pope.
 L'incognita Grecia fa comunque sentire ancora tutto il suo
peso, in particolare sul settore bancario, anche oggi tra i più
venduti. Secondo gli operatori il mercato sarà costretto a fare
i conti con le incertezze legate alla crisi finanziaria greca
almeno fino all'incontro dei capi di stato e di governo dell'Ue
previsto alla fine di questa settimana.
 Tra i titoli in evidenza:
 
 * L'indice del settore farmaceutico  è in calo dello
0,54%. SANOFI AVENTIS (SASY.PA: Quotazione) perde l'1,89%, NOVARTIS
NOVN.VX lo 0,43%, ROCHE ROG.VX lo 0,8%, GLAXOSMITHKLINE
(GSK.L: Quotazione) lo 0,27%.
 
 * Tra le banche  DEUTSCHE BANK (DBKGn.DE: Quotazione) è in
flessione dello 0,52%, BNP PARIBAS (BNPP.PA: Quotazione) dello 0,61%, CREDIT
SUISSE CSGN.VX dell'1,83%, BARCLAYS (BARC.L: Quotazione) dello 0,89%.
 
 * Sotto pressione anhce il comparto energetico  e
minerario  a seguito del calo delle quotazioni delle
principali materie prime. BP (BP.L: Quotazione) perde lo 0,65%, ROYAL DUTCH
SHELL (RDSa.L: Quotazione) lo 0,9%, TOTAL (TOTF.PA: Quotazione) lo 0,58%, RIO TINTO
(RIO.L: Quotazione) lo 0,52%, XSTRATA XTA.L l'1,18%.
 
 *CABLE & WIRELESS CWC.L cede lo 0,61% dopo che il gruppo
telefonico britannico ha scorporato le proprie attività
internazionali.     
 
 * METRO (MEOG.DE: Quotazione) nel settore della grande distribuzione
limita la flessione allo 0,19%. Ing ne ha alzato il prezzo
obiettivo a 45 euro, da 43, mentenendo la racomandazione "hold",
tenere in portafoglio.