RPT-BORSE EUROPA - Indici deboli,male banche,attese Grecia e Usa

mercoledì 3 marzo 2010 10:24
 

                              indici                 chiusura
                              alle 10,00     var.       2009
 ---------------------------------------------------------------
 EuroStoxx50 .STOXX50E       2.785,50    -0,37%    2.966,24
 FTSEurofirst300 .FTEU3      1.024,97    -0,23%    1.045,76
 Stoxx banche             206,79    -0,46%      221,27
 Stoxx oil&gas            318,80    -0,29%      330,54
 Stoxx tech               197,94    -0,06%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 3 marzo (Reuters) - Dopo un avvio all'insegna
dell'incertezza, le borse europee sembrano imboccare la strada
dei ribassi nei primi scambi della giornata, con variazioni
comunque di entità contenuta. Ieri le piazze dell'equity in
Europa avevano chiuso sui massimi delle ultime sei settimane.
 Ancora una volta è la crisi del debito greco e tenere banco,
con i mercati che soppesano le nuove misure decise da Atene per
risanare i propri conti pubblici e attendono indicazioni più
chiare sulle intenzioni dei partner europei circa un intervento
a sostegno del governo di Papandreou.
 Ma l'attesa cresce anche per i dati mensili sull'occupazione
americana. Oggi è in programma un assaggio con quelli
dell'economia privata di ADP e le statistiche Challenger sui
licenziamenti, venerdì l'aggiornamento più atteso sull'economia
nel complesso.
 "C'è ancora una certa cautela nei mercati", dice Koen De
Leus, economist di Kbc Securities. "I dati macro non sono stati
così buoni ultimamente e gli investitori temono che i prossimi
aggiornamenti in arrivo possano deludere rispetto alle
previsioni".
 Intorno alle 10,00 l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU3 cede
lo 0,23%. Tra i singoli listini perde lo 0,19% il Ftse 100
londinese .FTSE, il Dax di Francoforte .GDAXI è in calo
dello 0,25% e il CAC 40 di Parigi .FCHI dello 0,31%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Deboli i bancari in generale, con perdite nell'ordine del
punto percentuale per HSBC (HSBA.L: Quotazione) e CREDIT AGRICOLE (CAGR.PA: Quotazione),
e del mezzo punto per altri istituti, tra cui BNP PARIBAS
(BNPP.PA: Quotazione), NATIXIS (CNAT.PA: Quotazione), COMMERZBANK (CBKG.DE: Quotazione). In
controtendenza le due big britanniche LLOYDS (LLOY.L: Quotazione) e BARCLAYS
BARCL.L, in rialzo dell'1,5% circa. La controllata di private
equity di Barclays ha siglato l'accordo per la cessione, a 325
milioni di sterline, di Deb Group, azienda di prodotti per le
pulizie, una scelta all'insegna della generazione di liquidità
che prelude al suo spin out come entità indipendente dal gruppo
bancario londinese.
 * Positivi a dispetto della giornata media e telco,
quest'ultimo trascinato dai buoni rialzi di BT (BT.L: Quotazione) e VODAFONE
(VOD.L: Quotazione), inserita da Bank of America-Merrill Lynch nella lista
di titoli appetibili 'Europe 1'.
 * Bouyges sale a Parigi dell'1,4%, all'indomani della
pubblicazione dei risultati di fine 2009.
 * La farmaceutica francese Nicox (NCOX.PA: Quotazione) vola a +12% dopo
aver ceduto in esclusiva mondiale a Bausch+ i diritti del
proprio farmaco CNX 116 contro il glaucoma.
 * Giornata di assestamento per l'auto, dopo i rialzi di
ieri, con una perdita che supera il punto percentuale nel caso
di RENAULT (RENA.PA: Quotazione), mentre restano frazionali quelle di PSA
PEUGEOT CITROEN (PEUP.PA: Quotazione) e VOLKSWAGEN (VOWG.DE: Quotazione).