BORSE EUROPA - Indici in rialzo dopo incertezza su dato Usa

giovedì 18 febbraio 2010 16:11
 

                              indici                chiusura
                              alle 16,10      var       2009
 ---------------------------------------------------------------
 DJ EuroStoxx50 .STOXX50E    2.773,92    +0,38%    2.966,24
 FTSEurofirst300 .FTEU3      1.019,71    +0,45%    1.045,76
 DJ Stoxx banche          206,71    +0,08%      221,27
 DJ Stoxx oil&gas         323,24    +0,61%      330,54
 DJ stoxx tech            193,52    +0,59%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 18 febbraio (Reuters) - Dopo un rialzo sollecitato
dai risultati societari, l'azionario europeo aveva virato in
territorio negativo sul dato sulla disoccupazione Usa che ha
mostrato per la settimana scorsa un inatteso rialzo delle
richieste di sussidio, per poi recuperare.
 Sulle piazze continuano comunque a dominare le trimestrali.
Hanno deluso il mercato i conti della banca francese Societe
Generale (SOGN.PA: Quotazione), i più attesi della giornata, ma nel
pomeriggio, nonostante Societe Generale, il comparto bancario
spinge in lieve rialzo.
 Alle 16,10 l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU3 guadagna lo
0,5% a 1.019,95. Il FTSE 100 di Londra .FTSE sale dello 0,80%,
il DAX di Francoforte .GDAXI dello 0,63%, il CAC 40 di Parigi
.FCHI dello 0,59%.
 Tra i titoli in evidenza: 
 * SOCIETE GENERALE (SOGN.PA: Quotazione) amplia il calo, arretrando del
6,6%. L'utile trimestrale è salito oltre le previsioni, ma la
banca francese ha tagliato il dividendo a 0,29 euro da 1,2.
Deludenti i dati della divisione retail, in Francia e a livello
internazionale.
 
 * Nel settore bancario BARCLAYS (BARC.L: Quotazione) sale dell'1,4%,
sollecitato dalla decisione di Abu Dhabi di esercitare i
'warrant' presi due anni fa come parte di raccolta fondi dalla
banche britanniche. In calo altri istituti, come CREDIT AGRICOLE
(CAGR.PA: Quotazione) che perde il 2,41%, LLOYDS (LLOY.L: Quotazione) che cede lo 0,24%,
BBVA (BBVA.MC: Quotazione) in calo dello 0,75%. Annullano le perdite della
mattinata spingendosi in rialzo invece DEUTSCHE BANK (DBKGn.DE: Quotazione)
che sale dell'1,07%, e HSBC (HSBA.L: Quotazione) in rialzo dello 0,81%,
 
 * DEUTSCHE POSTBANK DPBGn.DE perde il 2,3%. Il 2009 si è
chiuso con una perdita pre-tasse di quasi 400 milioni di euro,
stima la banca tedesca, secondo cui nei prossimi trimestri ci
sarà un aumento degli accantonamenti su prestiti inesigibili.
 
 * In forte calo, -5,9%, il costruttore automobilistico
tedesco DAIMLER (DAIGn.DE: Quotazione) che ha annunciato di vedere entro due
settimane un accordo sull'aereo da trasporto militare A400M con
il gruppo aerospaziale EADS EAD.PA e i clienti governativi. 
 
 * AKZONOBEL (AKZO.AS: Quotazione) cede quasi l'8% dopo che i vertici
hanno dichiarato di non aver dato un altro target dei costi, ma
un chiaro impegno relativo al target dei margini Ebitda.
 
 * BT (BT.L: Quotazione) cede il 2,2% dopo il downgrade da parte di
Standard & Poor's.
 
 * In calo anche SWISSCOM SCMN.VX, controllamte
dell'italiana Fastweb, che cede il 3,6% dopo aver detto di
aspettarsi vendite e utili sotto pressione nel 2010 a causa
della maggiore competizione. Il gruppo, controllato al 50% dal
governo svizzero, ha anche annunciato i risultati 2009, che
hanno mostrato un aumento degli utili nonostante la domanda
interna si sia indebolita. 
 
 * SWISS RE RUKN.VX sale dell'1,6%. Per il gruppo
assicurativo il 2009 si è chiuso con un ritorno al profitto e un
rafforzamento della base patrimoniale, dopo le difficoltà legate
alla crisi finanziaria. L'utile, 506 milioni di franchi
svizzeri, è risultato tuttavia inferiore alle attese.
 
 * BAE SYSTEMS (BAES.L: Quotazione) amplia il rialzo salendo del 3,7%. Il
maggiore gruppo europeo del settore difesa ha comunicato un
incremento dei profitti del 15% nel 2009, aumentando il
dividendo e annunciando un piano di riacquisto di azioni proprie
da 500 milioni di sterline nel corso del 2010.
 
 * Forte calo per TOMTON (TOM2.AS: Quotazione) che cede circa il 6%. Il
costruttore di navigatori ha sottovalutato la minaccia
proveniente dalla competizione dei software scaricabili gratis
sul cellulare.
 
  * ABB ABBN.VX lievita di circa il 6,5% dopo la
presentazione dei conti del quarto trimestre. Il gruppo
industriale svizzero ha annunciato la volontà di ridurre i costi
di un altro miliardo di dollari.