BORSE EUROPA - Indici incerti in avvio, bene banche e minerari

martedì 9 febbraio 2010 09:59
 

                              indici                chiusura
                              alle 9,45     var       2009
 ---------------------------------------------------------------
 DJ EuroStoxx50 .STOXX50E    2.654,04    -0,38%    2.966,24
 FTSEurofirst300 .FTEU3        977,32    -0,21%    1.045,76
 DJ Stoxx banche          196,68    +0,90%      221,27
 DJ Stoxx oil&gas         307,05    -0,94%      330,54
 DJ stoxx tech            188,86    -0,65%      184,35
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 9 febbraio (Reuters) - Avvio di seduta incerto per
le borse europee, che nelle prime battute oscillano tra denaro e
lettera incapaci di imboccare una direzione chiara.
 A dettare la cautela sui mercati sono ancora i timori per i
problemi fiscali di Grecia, Spagna e Portogallo.
 A livello settoriale segni positivi per i minerari,
sostenuti dal rialzo delle quotazioni delle materie prime, e i
bancari.
 "Gli investitori sono giustamente preoccupati per la
tempistica dell'abbandono di una politica fiscale e monetaria
straordinariamente espansiva. Il rischio di default è aumentato
e c'è incertezza sulla regolamentazione finanziaria", commenta
Henk Potts, strategist di Barclays Wealth.
 I leadere Ue si incontreranno giovedì a Bruxelles per un
summit speciale sull'economia, sotto pressione per riportare
fiducia tra gli investitori preoccupati che il crescente debito
di Grecia, Portogallo e altri stati deboli della zona euro possa
minare la ripresa globale.
 Intorno alle 9,45 l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU3 scende
dello 0,2%. Sui singoli mercati il FTSE 100 .FTSE avanza dello
0,15%, il DAX .GDAXI cede lo 0,14% e il CAC 40 .FCHI arretra
dello 0,36%.
 
 Tra i titoli in evidenza: 
 * In controtendenza rispetto al compato, UBS UBSN.VX
lascia sul terreno l'1,9%. La banca ha annunciato il primo utile
netto trimestrale da quando il timone è passato a Oswald Gruebel
un anno fa, ma i deflussi hanno superato abbondantemente le
attese.
 * Tra i farmaceutici ASTRAZENECA (AZN.L: Quotazione) guadagna l'1,6%
dopo il via libera Usa a un utilizzo più esteso del Crestor che
rafforza la posizione del gruppo nel mercato altamente
competitivo dei farmaci contro il colesterolo.
 * SWATCH GROUP UHR.VX balza del 5,8% dopo risultati 2009
migliori delle aspettative.
 * I dati annuali e le prospettive 2009 affossano invece il
gruppo immobiliare franco-olandese UNIBAIL-RODAMCO UNBP.PA, in
calo del 3,5%.
 * La compagnia aerea scandinava SAS (SAS.ST: Quotazione) affonda di
oltre il 18% dopo l'annuncio di un aumento di capitale da 5
miliardi di corone svedesi e di una perdita del quarto trimestre
più consistente del previsto.