BORSE EUROPA - Indici in lieve calo su timori credito Cina

mercoledì 20 gennaio 2010 10:00
 

                              indici                chiusura
                              alle 9,40    var %        2009
 ---------------------------------------------------------------
 DJ EuroStoxx50 .STOXX50E    2.980,31    -0,15%    2.966,24
 FTSEurofirst300 .FTEU3      1.068,06    -0,08%    1.045,76
 DJ Stoxx banche          228,00    +0,07%      221,27
 DJ Stoxx oil&gas         344,43    +0,07%      330,54
 DJ stoxx tech            194,24    +0,88%      184,35
----------------------------------------------------------------
 PARIGI, 20 gennaio (Reuters) - Apertura in leggero calo per
le Borse europee, reduci da due sedute positive. Pesano anche in
Europa i segnali sempre più concreti di un irrigidimento della
politica monetaria cinese, dopo che le autorità di Pechino hanno
imposto un aumento dei coefficienti di riserva obbigatoria ad
alcuni istituti, per scongiurare un surriscaldamento
dell'economia.
 Vendite soprattutto nel settore delle materie prime,
direttamente legato alle aspettative sull'economia cinese. Poco
brillanti anche le banche, in attesa di importanti trimestrali
Usa del settore, come quelle di Bank of America (BAC.N: Quotazione), Morgan
Stanley (MS.N: Quotazione) e Wells Fargo (WFC.N: Quotazione).
 L'intonazione positiva dei titoli farmaceutici contribuisce
tuttavia a contenere la flessione degli indici continentali.
L'elezione per un posto al Senato Usa nello stato del
Massachussets hanno premiato un candidato repubblicano
sfavorevole alla riforma sanitaria proposta dal presidente
Barack Obama, che, perdendo la maggioranza qualifica di 60 voti,
a questo punto rischia di incontrare maggiori difficoltà.
 Acquisti anche sui tecnologici, sull'onda della trimestrale
di Ibm, che ha inoltre migliorato le stime di utile per il 2010.
 Intorno alle 9,40 l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU3 cede lo
0,22% a 1.066,88; il FTSE 100 .FTSE londinese perde lo 0,25%,
il DAX .GDAXI lo 0,41%, mentre il CAC 40 .FCHI è in calo
dello 0,22%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Nel comparto delle materie prime vendite su Rio Tinto
(RIO.L: Quotazione), -1,92% e Bhp Billiton (BLT.L: Quotazione), -1,75%.
 * Tra le banche vediamo Bnp Paribas (BNPP.PA: Quotazione) che perde lo
0,4%, Societe Generale (SOGN.PA: Quotazione), -0,25%, Banco Bilbao
(BBVA.MC: Quotazione), -0,19%, Deutsche Bank (DBKGn.DE: Quotazione)., -0,14%.
 * Nel settore farmaceutico GlaxoSmithKline (GSK.L: Quotazione) sale
dell'1%; medesimo rialzo per Sanofi-Aventis (SASY.PA: Quotazione).
 * DEUTSCHE BOERSE (DB1Gn.DE: Quotazione) perde in apertura l'1,30%. La
società che gestisce la Borsa di Francoforte ha comunicato che a
cuasa di costi legati a una svalutazione i profitti 2009
subiranno una decurtazione di circa 200 milioni di euro.
 * ASML (ASML.AS: Quotazione) balza di quasi 3 punti percentuali. Nuovi
ordini oltre le aspettative in dicembre per l'azienda olandese,
numero uno mondiale dei macchinari per la produzione di
microchip.
 * CABLE & WIRELESS CW.L. Citigroup migliora la
raccomandazione sul titolo del gruppo telefonico britannico da
"hold" a "buy", alzando il prezzo obiettivo a 170 pence da 155.
Il titolo sale dello 0,89%.