BORSE EUROPA in discesa su ribasso banche e titoli minerari

mercoledì 30 dicembre 2009 16:02
 

                               indici              chiusura
                             alle 15,55   var%      2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.972,51    -0,65    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.043.65    -0,31      831,97
DJ Stoxx banche          221,64    -0,55      149,51
DJ Stoxx oil&gas         330,80    inv.       264,50
DJ Stoxx tech            184,37    +0,37      152,86
 ---------------------------------------------------------------
 PARIGI, 30 dicembre (Reuters) - Le borse europee sono tutte
negative, rompendo la scia di sei sedute consecutive di rialzi,
con scambi sottili, penalizzate dalle vendite sui titoli delle
materie prime e dai bancari. Domani Milano è chiusa come la
Germania, mentre altri mercati come Parigi e Londra saranno
aperti solo per mezza giornata per il Capodanno.
 Dopo il rally natalizio (partito attorno alla metà di
dicembre), gli investitori passano all'incasso di parte dei
ricchi guadagni maturati nei giorni scorsi soprattutto sui
titoli petroliferi.
 Alle 15,45 l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU3 che raccoglie
i principali titoli azionari europei, arretra dello 0,31% a
1.043,68 punti. 
 Londra .FTSE perde lo 0,31%, Francoforte .GDAXI cede lo
0,90%, mentre Parigi .FCHI arretra dello 0,30%.
 Dopo un 2008 molto difficile il benchmark del mercato
azionario europeo si avvia a chiudere il 2009 con un guadagno di
circa il 25%: l'annata migliore dal 1999.
 Oggi "tutto si sta girando in negativo. Ma non dobbiamo dare
una lettura troppo profonda a quello che sta succedendo...le
posizioni vengono chiuse", osserva un trader.
 
 Tra i titoli in evidenza oggi:
 * Nel comparto petrolifero Royal Dutch Shell (RDSa.L: Quotazione) perde
lo 0,50% a 1898 pence, Total (TOTF.PA: Quotazione) perde lo 0,37% a 42,24
euro. A penalizzare il settore il calo del prezzo del petrolio.
 * I finanziari invertono la tendenza positiva della seduta.
Standard Chartered (STAN.L: Quotazione) perde l'1,5% riflettendo la
debolezza delle banche ad Hong Kong sui timori che la Cina debba
introdurre altre misure per affrontare il rischio di una
"bolla".
 Deutsche Bank (DBKGn.DE: Quotazione), Santander (SAN.MC: Quotazione) e Ubs UBSN.VX
cedono fra lo 0,8 e il 2,3%.
 * Giù i titoli minerari sulla discesa dei prezzi delle
materie prime a seguito del balzo del dollaro. Anglo American
(AAL.L: Quotazione), Antofagasta (ANTO.L: Quotazione), Bhp Billiton (BLT.L: Quotazione), Rio Tinto
(RIO.L: Quotazione) e Xstrata XTA.L perdono fra lo 0,8 e l'1,7%.
 * Nokia NOK1V.HE sostiene le quotazioni del settore
tecnologico con un +0,68% a 8,91 euro.
 * Basilea Pharmaceutica (BSLN.S: Quotazione) perde il 15,17% dopo la
bocciatura da parte della Food and Drug Administration Usa di un
farmaco della casa svizzera.