BORSE EUROPA - Indici peggiorano dopo apertura borsa Usa

giovedì 17 dicembre 2009 17:09
 

                               indici              chiusura
                             alle 16,45    var%      2008
----------------------------------------------------------------


DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.888,53    -1,30    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.017,44    -1,33      831,97
DJ Stoxx banche          218,18    -2,75      149,51
DJ Stoxx oil&gas         318,37    -1,27      264,50
DJ Stoxx tech            179,10    -1,02      152,86
 ---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 17 dicembre (Reuters) - Nelle Borse europee si
aggravano le perdite della mattinata, dopo l'apertura al ribasso
di Wall Street. Sulle piazze del Vecchio continente si prospetta
una chiusura in calo deciso, a invertire la tendenza che aveva
visto la seduta di ieri sui massimi dell'ultimo mese.
 Sui listini continuano a pesare fortemente i titoli bancari,
sotto pressione su più fronti, da quello americano con le
difficoltà di Citigroup e le dichiarazioni della Fed, a quello
domestico, con il rinnovarsi delle tensioni legate ai conti
pubblici della Grecia e la pubblicazione dei dettagli di
Basilea.
 Intorno alle 16,45 il benchmark Eurofirst 300 .FTEU3 cede
l'1,3%. Sulle singole piazze Londra .FTSE scende dell'1,73%,
Francoforte .GDAXI dello 0,99% e Parigi .FCHI dell'1,19%.
 Tra i titoli in evidenza:
 * Le vendite colpiscono soprattutto i titoli bancari, il cui
stoxx di settore  cede oltre 2,7%. Dagli Usa, la notizia
che il Tesoro metterà sul mercato entro un anno i propri 26,5
miliardi di dollari in Citigroup (C.N: Quotazione) affonda il colosso
newyorchese a -7%, con ripercussioni sull'intero settore. A ciò
si sommano le proposte in arrivo dal Comitato di Basilea, che
impongono requisiti di capitale più stringenti e standard di
contabilità più severi alle banche.
 Crolla a quasi -8% LLOYDS (LLOY.L: Quotazione), intorno al -5% BARCLAYS
(BARC.L: Quotazione) e COMMERZBANK (CBKG.DE: Quotazione), oltre il 3% di perdita HSBC
(HSBA.L: Quotazione), STANDARD CHARTERED (STAN.L: Quotazione), SANTANDER (SAN.MC: Quotazione), DT
POSTBANK DPBGn.DE, CREDIT AGRICOLE (CAGR.PA: Quotazione), ROYAL BANK OF
SCOTLAND (RBS.L: Quotazione).
 * Molto debole anche l'industria estrattiva, il cui indice
di riferimento  cede circa due punti percentuali.
L'associazione di rappresentanza degli acciaieri cinesi ha
dichiarato oggi che tutti i paesi dovrebbero unirsi
nell'opposizione al progretto "monopolistico" di produzione
congiunta fra BHP BILLITON BHP.L e RIO TINTO (RIO.L: Quotazione). Le due
società cedono oltre l'1,5%, mentre XSTRATA XTA.L crolla di
oltre il 5% e ANGLO AMERICAN (AAL.L: Quotazione) cede quasi il 3%.
 * Cede il settore dei trasporti, a cominciare da AIR
FRANCE-KLM (AIRF.PA: Quotazione) a -2,5% dopo il taglio dell'outlook 2010 da
parte di Rbs. In rosso anche BRITISH AIRWAYS BAY.L a -2%,
IBERIA IBLA.MC a -1,5% e LUFTHANSA (LHAG.DE: Quotazione) a -0,6%.