BORSE EUROPA - Positive nel pomeriggio con banche, sale Allianz

venerdì 13 marzo 2009 15:04
 

                               indici              chiusura
                              alle 15,00  var%        2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.002,34    + 2,02    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        709,89    + 1,87      831,97
DJ Stoxx banche          110,34    + 3,72      149,51
DJ Stoxx oil&gas         255,26    + 2,89      264,50
DJ Stoxx tech            143,66    - 0,17      152,86
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 13 marzo (Reuters) - L'azionario europeo è positivo
nel pomeriggio per il quarto giorno consecutivo grazie anche al
dato migliore delle attese sul deficit commerciale Usa e a
ridotti timori sul futuro del sistema bancario dopo le
rassicuranti dichiarazioni del numero uno di Citigroup. 
 L'istituto Usa, più di ogni altro nell'occhio del ciclone
della crisi economica, non ha bisogno di ulteriori iniezioni di
capitale, secondo il presidente. 
 Volano tutti i bancari con rialzi a doppia cifra o poco
sotto per BARCLAYS (BARC.L: Quotazione), ING ING.AS e CREDIT SUISSE
CSGN.VX. Lo stoxx del settore  guadagna il 3,16%.
 L'indice Ftse Eurofirst 300 .FTEU3 sale dell'1,56%, il DJ
Stoxx 50 .STOXX50E dell'1,62%. Rialzi intorno all'1,5% per
Londra .FTSE, Francoforte .GDAXI e Parigi .FCHI.
 
 Tra i titoli in evidenza: 
 * SWISS LIFE SLHN.VX balza dell'11% dopo aver dichiarato
che è in trattative con Talanx, compagnia assicurativa tedesca,
sul 24% detenuto dal gruppo svizzero in MPL MPLG.DE,
specializzata nel settore previdenziale. 
 * ALLIANZ (ALVG.DE: Quotazione) guadagna il 3,30% dopo aver dichiarato
di essere ben posizionata per affrontare il difficile 2009. 
 * Qiagen (QGEN.DE: Quotazione) cede oltre il 9% dopo che la rivale
americana Hologic ha ottenuto dal Fda l'approvazione di due test
contro il virus che causa il cancro cervicale. 
 * La britannica JJB Sports JJB.L balza del 25% dopo
indiscrezioni stampa del Daily Telegraph secondo cui il
fondatore Dave Whelan è pronto a pagare tra 60 e 70 milioni di
sterline per l'asset 'fitness club'.