BORSE EUROPA - Indici contrastati, bene telco, automobile

giovedì 12 novembre 2009 10:20
 

                               indici              chiusura
                           alle 10,10      var%      2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.871,79    -0,32    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.012,52    -0,13      831,97
DJ Stoxx banche          233,18    -0,32      149,51
DJ Stoxx oil&gas         319,85    -0,48      264,50
DJ Stoxx tech            182,37    -0,18      152,86
---------------------------------------------------------------
  LONDRA, 12 novembre (Reuters) - Le borse europee aprono
contrastate, registrando oscillazioni limitate in prossimità
della parità con una lieve tendenza negativa.
 Alla voglia dei mercati di tornare all'intonazione positiva
che ha caratterizzato la maggior parte delle ultime sedute fa da
contrappunto la giornata sotto tono delle borse asiatiche. La
risultante è un clima prudente in attesa di nuovi spunti.
 Intorno alle 10,10 il FTSEurofirst 300 .FTEU3 è in lieve
calo a -0,32%, mentre sui singoli mercati il Ftse 100 .FTSE
londinese sale dello 0,04%, il Cac-40 francese .FCHI cede lo
0,25% e il Dax tedesco .GDAXI lo 0,20%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Bene il settore auto, con lo stoxx  a +0,5%
sull'ottimismo generato dall'innalzamento delle previsioni 2009
del secondo competitor continentale, PSA PEUGEOT CITROEN
(PEUP.PA: Quotazione). Il miglioramento dell'outlook del settore, citato
dalla casa francese che sale del 4,1%, beneficia anche RENAULT a
+1,6% e i settori collegati dove MICHELIN (MICP.PA: Quotazione) a +0,8%.
 * L'innalzamento della guidance annuale e della previsione
di dividendi lancia BRITISH TELECOM (BT.L: Quotazione) a +4,6% e fa bene
all'intero settore, con lo stoxx europeo  che sale dello
0,7%. Tonica anche SWISSCOM SCMN.VX a +1,8%.
 * INBEV (ABI.BR: Quotazione), più grosso produttore di birra al mondo,
cede quasi il 3% a dispetto dell'utile sopra alle attese del
terzo trimestre, avendo registrato un brusco calo dei volumi.
 * Anche EDF (EDF.PA: Quotazione) paga i risultati trimestrali, ma
contiene il calo allo 0,5%. Debole tutto il settore, dove
perdono anche GDF SUEZ GSZ.PA a -0,9% e la tedesca RWE
(RWEG.DE: Quotazione) a -0,5%: entrambe hanno registrato nel trimestre
profitti per la prima volta nell'anno, ma inferiori alle
aspettative degli analisti.
 * Piatto il settore bancario, dove spiccano in negativo gli
istituti irlandesi. In attesa del voto parlamentare di stasera
per l'istituzione della "bad bank" che metterà le banche al
riparo a spese dei contribuenti, i dipendenti pubblici
minacciano di bloccare il paese per protesta. Bank of Ireland
(BKIR.I: Quotazione) cede il 3,5%, ALLIED IRISH BANKS (ALBK.I: Quotazione) il 2,5%.
 * Nel resto del settore, deboli le francesi con BNP PARIBAS
(BNPP.PA: Quotazione) e SOCIETE GENERALE (SOGN.PA: Quotazione) a -1%, toniche le inglesi
con LLOYDS (LLOY.L: Quotazione) e BARCLAYS (BARC.L: Quotazione) a +0,5% e +1,5%
rispettivamente.
 * Volano intorno ai quattro punti percentuali di rialzo
sulle voci di fusione IBERIA IBLA.MC e BRITISH AIRWAYS
BAY.L, nonostante le interessate prendano tempo e spieghino
che non c'è ancora nulla di deciso.