BORSE EUROPA - Negative con finanziari su delusione piano Usa

mercoledì 11 febbraio 2009 10:38
 

                                indici              chiusura
                              alle 10,30    var%        2008
----------------------------------------------------------------
  DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E    2.250,82     -0,76    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        798,58     -0,91      831,97
DJ Stoxx banche          131,76     -1,51      149,51
DJ Stoxx oil&gas         279,02     -0,93      264,50
DJ Stoxx tech            156,51     -0,94      152,86
----------------------------------------------------------------
MILANO, 11 febbraio (Reuters) - Avvio di seduta debole sulle
piazze azionarie europee, con i finanziari che tornano a
togliere punti agli indici dopo lo scivolone di Wall Street: gli
investitori temono che il piano da 2.000 miliardi di dollari
messo a punto da Washington - ma di cui secondo il mercato si
conoscono troppi pochi dettagli - non sia in grado di
risollevare le sorti del sistema bancario americano.   
 Intorno alle 10,30 il FTSEurofirst 300 .FTEU3 cede lo 0,8%
circa mentre, tra i singoli listini, l'indice Ftse 100
britannico .FTSE scende dello 0,3%, il Cac francese .FCHI
perde lo 0,7% e il Dax tedesco .GDAXI lo 0,3%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Bancari e assicurativi zavorrano i listini con CREDIT
SUISSE CSGN.VX sotto pressione dopo che la seconda banca
svizzera ha accusato la peggiore perdita d'esercizio della
propria storia.
  * Pesante IRISH LIFE & PERMANENT IPM.I (-4,7%) dopo che
il gruppo assicurativo e bancario ha comunicato ieri sera di
aver trasferito ingenti somme a Anglo Irish Bank a settembre per
dare sostegno alla banca nazionalizzata.
 * Oggi sono ancora i risultati a movimentare i listini:
PEUGEOT (PEUP.PA: Quotazione) corregge in maniera decisa - contagiando anche
RENAULT (RENA.PA: Quotazione) - dopo aver previsto una nuova perdita nel
2009.
 * Il gruppo di detersivi RECKITT BENCKISER (RB.L: Quotazione) balza dopo
conti 2008 migliori delle previsioni e obiettivi superiori alle
attese per le vendite e la crescita degli utili nel 2009. Il
gruppo punta inoltre a distribuire il 50% degli utili netti
invece del precedente 40%, aumentando la cedola 2008 del 45% a
80 pence per azione.
 * In grande spolvero ARCELOR MITTAL (ISPA.AS: Quotazione): la numero uno
dell'acciaio ha previsto una partenza molto debole per il 2009,
ma ha abbattuto con successo il debito dopo che un eccezionale
rallentamento ha spinto in rosso il quarto trimestre dell'anno
scorso.
 * Piovono gli acquisti anche su SANOFI-AVENTIS (SASY.PA: Quotazione): il
terzo gruppo farmaceutico del mondo ha illustrato una nuova
startegia di crescita per linee esterne con obiettivo
acquisizioni di taglia media e piccola nei vaccini, nei generici
e nei farmaci da banco. Il gruppo francese ha inoltre annunciato
il riassetto delle attività di ricerca e sviluppo e previsto un
incremento degli utili per azione adjusted del 7% nel 2009.
 * Nuovi minimi dell'anno per il colosso alimentare DANONE
(DANO.PA: Quotazione) che accelera al ribasso - nonostante la tenuta delle
prime battute - dopo aver confermato i target per quest'anno e
aver aumentato gli utili del 15% nel 2008.
 * Sospesa dalle negoziazioni FORTIS FOR.BR in attesa che i
soci si esprimano in assemblea sullo smembramento del gruppo.