BORSE EUROPA - Indici negativi, verso quarta settimana in rosso

venerdì 10 luglio 2009 15:45
 

                                indici             chiusura
                             alle 15,30      var%       2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.296,28    -0,68    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        817,65    -0,69      831,97
DJ Stoxx banche          172,70    -0,61      149,51
DJ Stoxx oil&gas         268,50    -0,80      264,50
DJ Stoxx tech            165,86    -0,07      152,86
---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 10 luglio (Reuters) - Resta debole l'intonazione
delle borse europee che si preparano a chiudere la quarta
settimana consecutiva in calo.
 In linea Wall Street, che ha aperto debole come
preannunciavano i futures sugli indici.
 I timori sui risultati societari e sulla solidità della
ripresa economica mettono sotto pressione in particolare i
titoli bancari, mentre il calo dei prezzi delle materie prime
pesa su energetici e minerari.
 Intorno alle 15,35 il FTSEurofirst 300 .FTEU3 scende dello
0,6% dopo il +0,8% incassato ieri; questa settimana il calo
supera il 3%, ma è ancora in rialzo del 26% rispetto ai minimi
storici toccati lo scorso marzo. 
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Banche negative con Allied Irish Banks (ALBK.I: Quotazione), Bank of
Ireland (BKIR.I: Quotazione), Swedbank (SWEDa.ST: Quotazione), HSBC (HSBA.L: Quotazione) e UniCredit
(CRDI.MI: Quotazione) in calo tra il 7% e l'1,5%. 
 * In controtendenza Commerzbank (CBKG.DE: Quotazione) (+0,6%) che
preannuncia una riduzione di perdite nel secondo trimestre
rispetto al primo, ha detto il consigliere Markus Beumer.
 * Scendono i titoli del settore oil sulla scia del calo del
greggio CLc1, con cali che coinvolgono BP (BP.L: Quotazione), Royal Dutch
Shell (RDSb.L: Quotazione), BG Group BG.L, Tullow Oil (TLW.L: Quotazione),
StatoilHydro (STL.OL: Quotazione) e Total (TOTF.PA: Quotazione). Il comparto è
influenzato anche dall'outlook deludente di Chevron (CVX.N: Quotazione)
annunciato ieri dopo la chiusura di Wall Street.
 * Specularmente la flessione dei prezzi dei metalli
principali pesa sui titoli minerari come BHP Billiton (BLT.L: Quotazione),
Anglo American (AAL.L: Quotazione), Antofagasta (ANTO.L: Quotazione), Xstrata XTA.L e
Eurasian Natural Resources ENRC.L. L'anglo-australiana Rio
Tinto (RIO.L: Quotazione) cede il 3,5%; in Cina alcuni dipendenti sono stati
accusati di spionaggio.
 * Sale del 4,8% Infineon (IFXGn.DE: Quotazione), che ha annunciato un
aumento di capitale da 725 milioni di euro con il supporto del
fondo Usa Apollo, che potrebbe rilevare fino al 29% del
capitale.
 * Tra le tlc, debole in particolare Telekom Austria
(TELA.VI: Quotazione) dopo che UBS ha evidenziato l'incertezza sull'outlook
della società per l'anno in corso dopo aver parlato con il
management.
 * Tra auto poco mosse scende Renault (RENA.PA: Quotazione), il cui AD
Carlos Ghosn, in un'intervista alla radio, ha previsto un 2010
"difficile come il 2009" perchè la crisi del settore in tutto il
mondo sta continuando.
 * Spunti positivi sui titoli retailers come Morrison
(MRW.L: Quotazione), J. Sainsbury (SBRY.L: Quotazione), Marks & Spencer (MKS.L: Quotazione) e Tesco
(TSCO.L: Quotazione).