BORSE EUROPA - Indici in ribasso, giù banche, auto, commodities

lunedì 10 agosto 2009 16:01
 

                               indici             chiusura
                             alle 15,45    var%       2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.685,89    -0,74    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        943,46    -0,72      831,97
DJ Stoxx banche          220,41    -0,65      149,51
DJ Stoxx oil&gas         291,68    -0,48      264,50
DJ Stoxx tech            177,38    -0,36      152,86
---------------------------------------------------------------
  MILANO, 10 agosto (Reuters) - Le borse europee si muovono in
territorio negativo negli scambi del pomeriggio su prese di
profitto da parte degli investitori, dopo che nella precedente
seduta il benchmark europeo .FTEU3 ha toccato il massimo da 9
mesi. A pesare sui listini anche l'avvio con il segno meno di
Wall Street.
  Gli energetici sono tra i peggiori del paniere europeo,
sulla scia del calo del greggio CLc1 sotto i 71 dlr/barile, in
rosso anche il settore automotive e le banche, che ritracciano
dopo i recenti guadagni.
 Gli analisti avevano prospettato un mercato imprigionato in
un ampio trading range durante la pausa estiva, ma il trend
generale rimane positivo sulla scia di risultati societari
migliori delle attese e dati macroeconomici incoraggianti a
livello globale.
 "Se si guarda alle prossime settimane, il periodo dell'anno
suggerisce che l'ottimismo manifestato di recente sarà soggetto
ad un breve test una volta che gli stimoli positivi provenienti
dalla stagione delle trimestrali abbiano esaurito il loro
effetto", commenta Gerard Schwarz, capo del settore equity di
UniCredit.
 "I ribassi dovrebbero rimanere, in ogni caso, contenuti e di
breve durata. Raccomandiamo di sfuttare i ribassi per
incrementare le proprie posizioni in azionario", aggiunge.
 Alle 15,45 il FTSEurofirst 300 .FTEU3 perde lo 0,72%. Tra
le singole piazze l'inglese Ftse .FTSE cede lo 0,57%, il
tedesco Dax .GDAXI lo 0,95%, il francese Cac 40 .FCHI lo
0,73%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 
 * Le banche  cedono lo 0,64%, con LLOYDS (LLOY.L: Quotazione) in
calo del 4,48% dopo che il quotidiano britannico The Sunday
Times ha riportato la voce secondo cui la banca starebbe
considerando un'emissione di titoli da svariati miliardi di
sterline per evitare di pagare costi elevati previsti dal
programma governativo per assicurare gli asset più rischiosi
delle banche.
 * Tra le concorrenti HSBC (HSBA.L: Quotazione), BARCLAYS (BARC.L: Quotazione), ROYAL
BANK OF SCOTLAND (RBS.L: Quotazione), SOCIETE GENERALE (SOGN.PA: Quotazione), BNP
PARIBAS (BNPP.PA: Quotazione) cedono tra lo 0,7% e il 5%.
 * In calo anche gli energetici , sulla scia della
flessione dei prezzi del greggio CLc1, che a New York vale
circa 71 dlr/barile. ROYAL DUTCH SHELL (RDSa.L: Quotazione), BG BG.L,
TOTAL (TOTF.PA: Quotazione), STATOLHYDRO (STL.OL: Quotazione) e REPSOL (REP.MC: Quotazione), peggior
titolo a Madrid, cedono tra lo 0,8% e il 2,04%.
 * Male anche i minerari , che cedono quasi il 3%, con
ANGLO AMERICAN (AAL.L: Quotazione), BHP BILLINTON (BLT.L: Quotazione) e ANTOFAGASTA
(ANTO.L: Quotazione) in calo tra il 2,3% e il 2,9%. 
 XSTRATA XTA.L cede il 3,88% dopo che domenica ha
annunciato che starebbe trattando al vendita di una quota
maggioritaria di miniere in Sud Africa.
 RIO TINTO scende del 3,55% dopo che la Cina ha accusato di
spionaggio la big dell'oro e del ferro, come ha riportato la
versione online di una rivista cinese.
 * Sul fronte dei ribassi anche il settore auto  che
cede il 2,88%, appesantito da VOLKSWAGEN (VOWG.DE: Quotazione) a -6% e
DAIMLER (DAIGn.DE: Quotazione) a -4,44%, tra i peggiori titoli a
Francoforte. Hsbc ha abbassato il giudizio di Volkswagen a
"underweight" da "neutral" e il target price a 95 da 205, sulla
scia di alcuni aspetti dell'acquisizione di PORSCHE (PSHG_p.DE: Quotazione)
(-2,53%). Morgan Stanley ha rivisto il target di Daimler a
"underweight" da "overweight" e portato il target a 21 da 23
euro su outlook per il 2010.
 * Sugli scudi invece l'assicurativo FRIENDS PROVIDENT
FP.L, in progresso di oltre il 6% dopo che la società ha
annunciato trattative in corso per la cessione alla concorrente
RESOLUTION RSL.L (-0,28%) per 1,9 miliardi di sterline.