BORSE EUROPA - Indici poco mossi dopo apertura Usa, cedono telco

martedì 10 novembre 2009 16:19
 

                               indici              chiusura
                            alle 16,05      var%      2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.862,23    +0,07    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.011,29    -0,09      831,97
DJ Stoxx banche          232,16    +0,18      149,51
DJ Stoxx oil&gas         322,61    -0,30      264,50
DJ Stoxx tech            179,75    -0,93      152,86
---------------------------------------------------------------
  LONDRA, 10 novembre (Reuters) - Le borse europee proseguono
sull'intonazione poco mossa della prima parte della giornata,
che interropme un rally di quattro sedute consecutive. Il trend
è rafforzato dall'apertura incerta di Wall Street, che ha visto
fallire un tentativo di partenza durante i primi scambi.
 Spiccano le perdite delle telco, complici le difficoltà di
scenario evocate dalla trimestrale di Vodafone (VOD.L: Quotazione). In calo
anche l'automobile, dopo i giorni convulsi in cui è saltato
l'affare Opel-Magna (MGA.TO: Quotazione) e con il fondo sovrano del Qatar
che mette sul mercato una parte della propria partecipazione in
Vokswagen (VOWG.DE: Quotazione).
 Intorno alle 16,05 il FTSEurofirst 300 .FTEU3 sale dello
0,07%, mentre sui singoli mercati il Ftse 100 .FTSE londinese
è piatto, il Cac-40 francese .FCHI sale dello 0,16% e il Dax
tedesco .GDAXI dello 0,22%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * VODAFONE (VOD.L: Quotazione), leader mondiale nella telefonia mobile
per fatturato, cede oltre il 2% dopo una trimestrale che,
seppure in linea con le attese nei punti fondamentali, conferma
le difficoltà legate alla saturazione dei mercati maturi e alla
forte concorrenzialità in quelli emergenti, che mettono a
rischio i margini degli operatori.
 L'effetto-Vodafone scuote il settore, con l'indice
continentale  che perde lo 0,7% con FRANCE TELECOM
FTE.PA, TELIASONERA TLSN.ST e CABLE & WIRELESS CW.L
intorno al punto percentuale di ribasso.
 * Divergono le performance di due colossi bancari attesi
alla prova dei risultati, HSBC (HSBA.L: Quotazione) e BARCLAYS (BARC.L: Quotazione). La
prima guadagna il 4% dopo aver registrato nel terzo trimestre
utili normalizzati "significativamente superiori" a un anno fa,
la seconda si muove della stessa percentuale ma con segno
negativo, avendo registrato un calo degli utili ante imposte
pari al 19%.
 * Pioggia di vendite sul settore auto (con l'eccezione di
Fiat ancora sotto l'effetto del piano-Marchionne). Cade a -6,5%
VOLKSWAGEN (VOWG.DE: Quotazione), di cui il fondo sovrano del Qatar mette
sul mercato 25 milioni di azioni. Cedono il 4% PORSCHE
(PSHG_p.DE: Quotazione), il 2% RENAULT (RENA.PA: Quotazione), lo 0,7% PSA (PEUP.PA: Quotazione).
 * L'assicuratore francese AXA (AXAF.PA: Quotazione) guadagna il 3,2%,
spinta da una serie di giudizi positivi degli analisti sulla
decisione di ottenere il pieno controllo delle proprie attività
nei mercati dell'Asia-Pacifico.
 * L'Opa ostile di Kraft KFT.N su CADBURY CBRY.L è
accolta dall'indifferenza dei mercati, con il titolo della
dolciaria inglese poco mosso a -0,07%.
 * Quasi azzerati i guadagni di ALLIANZ (ALVG.DE: Quotazione), che sale
dello 0,3% dopo avere superato i cinque punti percentuali grazie
ai risultati del terzo trimestre.