BORSE EUROPA- Indici in calo su minerari, ripresa banche con Ubs

martedì 10 febbraio 2009 16:03
 

                                indici              chiusura
                              alle 16,00    var%        2008
----------------------------------------------------------------
  DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E    2.342,23     -0,31    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        827,32     -0,33      831,97
DJ Stoxx banche          138,71     +1,00      149,51
DJ Stoxx oil&gas         289,69     -0,71      264,50
DJ Stoxx tech            160,92     -1,74      152,86
----------------------------------------------------------------
MILANO, 10 febbraio (Reuters) - Borse europee ancora in calo,
affossate dai minerari e dai tecnologici, ma con le banche in
leggera ripresa in attesa di conoscere il piano di aiuto Usa per
il settore.
 Occhi puntati quindi alle 17,00 sull'annuncio del segretario
del Tesoro Timothy Geithner per sapere i dettagli della manovra
e vedere se riuscirà a convincere mercati e investitori.
 Protagonista di oggi la banca svizzera UBS UBSN.VX che,
dopo aver perso in mattinata oltre il 3% sulla scia di risultati
annuali deludenti, recupera nel pomeriggio oltre il 10% in
scambi fortemente volatili.
 "I mercati sono paralizzati in vista della nuova versione
del piano americano a favore delle banche", commenta Chris
Hossain di Odl Securities. "La giornata di oggi potrebbe essere
decisiva per la tendenza dei prossimi 12 mesi".
 Intorno alle 16,00 il FTSEurofirst 300 .FTEU3 cede lo 0,3%
mentre, tra i singoli listini, l'indice Ftse 100 britannico
.FTSE scende dello 0,26%, il Cac francese .FCHI perde lo
0,66% e il Dax tedesco .GDAXI lo 0,77%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
* Scendono minerari e energetici, penalizzati per il ribasso
dei costi di petrolio - malgrado la ripresa di oggi nel
pomeriggio - e materie prime. ANGLO AMERICAN (AAL.L: Quotazione) cede quasi
il 3%, ARCELORMITTAL (ISPA.AS: Quotazione) e EURASIAN ENRC.L oltre il 4% e
XSTRATA XTA.L il 5,2%, mentre tra gli energetici maglia nera
all'inglese DANA PETROLEUM DNX.L che cede il 4,5%.
 * UBS è in rialzo di oltre il 10% dopo un ottovolante che ha
visto il titolo scendere e risalire per tutta la giornata. La
banca ha annunciato una perdita netta nel quarto trimestre di
8,1 miliardi di franchi svizzeri, deludendo le attese, e ha
previsto nuovi tagli per 2.000 dipendenti.
 * In rialzo anche le banche irlandesi BANK OF IRELAND
(BKIR.I: Quotazione), a +7%, e ALLIED IRISH BANK (ALBK.I: Quotazione), a +4%, sulla
speranza che l'iniezione di capitale governativa sia ormai alle
porte.
 * Vola AFRICAN EAGLE AFE.L, in rialzo di oltre il 70%,
raddoppiando il suo valore dopo i risultati positivi di un
progetto di ritrovamento del nickel in Tanzania.
 * L'utility inglese CENTRICA (CNA.L: Quotazione) balza del 4% su voci di
mercato relative a un possibile interesse di Gazprom (GAZP.MM: Quotazione).