BORSE EUROPA - Indici poco mossi dopo avvio debole Wall Street

lunedì 9 febbraio 2009 16:10
 

                                indici              chiusura
                              alle 15,50    var%        2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.338,49     -0,22    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        827,22     +0,10      831,97
DJ Stoxx banche          137,05     +0,78      149,51
DJ Stoxx oil&gas         291,04     +0,21      264,50
DJ Stoxx tech            163,70     +0,02      152,86
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 9 febbraio (Reuters) - Borse europee poco mosse nel
pomeriggio, in recupero dai minimi di giornata grazie al rialzo
delle banche guidate da Barclays, ma comunque prudenti dopo
l'avvio debole di Wall Street.
 Sul mercato americano pesa il rinvio a domani dell'annuncio
del piano di salvataggio del sistema bancario predisposto
dall'amministrazione Obama.
 Intorno alle 16 l'indice paneuropeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 è piatto, mentre, tra i singoli listini, l'indice Ftse
100 britannico .FTSE sale dello 0,08%, il Cac francese .FCHI
cede lo 0,06% e il Dax tedesco .GDAXI arretra dello 0,11%.
 "Il mercato sembra inchiodato all'interno di un range e
finchè non ci saranno chiare indicazioni di un miglioramento
delle condizioni economiche, sarà difficile uscirne", dice Chirs
Hossain di OGL Securities.
  
 Tra i titoli in evidenza:
 * BARCLAYS (BARC.L: Quotazione) vola di oltre il 10% dopo aver chiuso il
2008 con un utile sopra le attese a 6,1 miliardi di sterline. La
banca inglese subisce comunque una contrazione del 14% del
risultato dopo pesanti oneri su sofferenze e altri crediti e ha
previsto un 2009 "difficile". Bene anche le altre banche con
Deutsche Bank (DBKGn.DE: Quotazione) in rialzo di oltre il 5% e Royal Bank
of Scotland (RBS.L: Quotazione) di quasi il 4%.
 * NATIXIS (CNAT.PA: Quotazione) sale del 6%. Les Echos ha scritto, senza
citare fonti, che la banca potrebbe aver bisogno di una
ricapitalizzazione, ma un portavoce dell'istituto ha smentito:
"Non c'è alcuna necessità urgente di una iniezione di capitale.
E' una voce falsa", ha detto ribadendo anche che non ci sono
piani di delisting.
 * Deboli invece i titoli energetici, con SHELL (RDSb.L: Quotazione), BG
GROUP BG.L, TOTAL (TOTF.PA: Quotazione) e TULLOW OIL (TLW.L: Quotazione) tutte
negative.
 Sulla stessa linea il settore dell materie prime sulla scia
del calo dei prezzi dei metalli. XSTRATA XTA.L, ANTOFAGASTA
(ANTO.L: Quotazione) e RIO TINTO (RIO.L: Quotazione) perdono intorno al 2%.
 * Positive le auto, in particolare in Francia dove dovrebbe
essere svelato più tardi un piano governativo di supporto al
settore. Secondo indiscrezioni di stampa, RENAULT (RENA.PA: Quotazione) e
PSA PEUGEOT CITROEN (PEUP.PA: Quotazione) otterranno dallo Stato un prestito
di circa 6 miliardi di euro per superare gli effetti della
crisi. BMW (BMWG.DE: Quotazione), DAIMLER (DAIGn.DE: Quotazione), PORSCHE (PSHG_p.DE: Quotazione),
PEUGEOT, e FIAT FIA.MI sono tutte in netto rialzo.