9 settembre 2008 / 14:32 / 9 anni fa

Borse Europa, indici in lieve rialzo nel pomeriggio

LONDRA (Reuters) - Le borse europee si muovono in terreno leggermente positivo, anche se hanno ridotto i guadagni dopo l‘apertura incerta di Wall Street.

Nel corso della mattinata le principali piazze europee avevano beneficiato ancora dell‘ottimismo suscitato dalla nazionalizzazione di Fannie Mae e Freddie Mac da parte del governo Usa delle due nel corso del fine settimana.

Le borse prendono dunque respiro, con gli investitori che preferito incassano i guadagni significativi realizzati ieri.

“Mentre i mercati lanciano segnali positivi... ci sono ancora problemi che riguardano la crescita globale”, osserva Brenard McAlinden, strategist per Ncb Stockbrokers.

Maglia rosa del paniere europeo FTSEurofirst 300, che intorno alle 15,55 il sale dello 0,45 a punti 1.168,51, il settore bancario, che scambia a quasi +2,7%.

Il forte calo del petrolio, che ha sostenuto settori come quello legato ai trasporti e alle linee aeree, che avanza di quasi il 2%, penalizzando invece il settore petrolifero, che cede intorno all‘1,6%.

Per quanto riguarda le principali piazze europee, l‘indice inglese FTSE 100, dopo i problemi tecnici che ieri hanno impedito gli scambi sulla London Stock Exchange per alcune ore,

avanza dello 0,48%. Il tedesco Dax sale dello 0,45% e il francese Cac 40 cresce dello 0,21%.

Tra i titoli in evidenza oggi:

* Tra i titoli bancari LLOYDS TSB avanza del, HSBO guadagna il 3,66%, BARCLAYS il 4,86%, DEUTSCHE BANK il 3,02%, COMMERZBANK il 3,15%.

* INTERCONTINENTAL HOTELS guadagna intorno al 4% vdopo che Rbs ha sato giudizio “buy” alla società. Rbs ha invece dato giudizio “sell” al gruppo francese ACCOR in una nota in cui si legge che la situazione della catena alberghiera è destinata a peggiorare nei prosimi 12 mesi.

* BAYER avanza di oltre il 3,5% sulla notizia di un interesse da parte della concorrente statunitense PFIZER. Le due società non hanno però voluto commentare le voci.

* Sul fronte dei ribassi il settore petrolifero, con titoli come BP e TULLOW OIL e TOTAL tutte in calo tra l‘1,5% e il 3,5%.

* Giù anche il settore minerario sulla debolezza dei prezzi del metalli. BHP, ANGLO AMERICAN, LONMIN, KAZAKHMYS e RIO TINTO perdono fra lo 0,7% e il 2,4%.

*La società di tecnologie per la difesa QUINETIQ cede oltre il 7% dopo l‘annuncio che il ministero della Difesa britannico intende completarne al privatizzazione , mettendo sul mercato il restante 17,8% di sua proprietà.

* THYSSEN KRUPP cede il 5,76% e SALZGITTER è in calo di oltre il 5% sui rialzi del prezzo dell‘acciaio, mettendo sotto pressione tutto il settore dei metalli.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below