BORSE EUROPA positive ma caute in attesa Bce

giovedì 3 dicembre 2015 12:04
 

LONDRA, 3 dicembre(Reuters) - 
 INDICI                       ORE 12,00   VAR %    CHIUS. 2014
 EUROSTOXX50                  3512,2      1,26     3146,43
                                                   
 FTSEUROFIRST300              1525,59     0,84     1368,52
 STOXX BANCHE                 195         0,86     188,77
 STOXX OIL&GAS                293,92      0,65     284,47
 STOXX ASSICURAZIONI          299,02      0,95     250,55
 STOXX AUTO                   589,18      1,1      501,31
 STOXX TLC                    369,37      0,84     320,05
 STOXX TECH                   372,38      0,73     312,18
 
    Le borse europee sono positive a metà seduta ma gli
investitori restano cauti in attesa della riunione del board
della Bce sui tassi di interesse, in calendario per oggi, che
potrebbe dare il via libera a nuove misure di stimolo
all'economia.
    Alle 12 italiane l'indice paneuropeo FTSEurofirst 300
 registra un +0,84% a quota 1525,59.
    La Bce potrebbe decidere di tagliare il tasso sui depositi e
di rafforzare il suo programma di acquisto di asset.
    "Il mercato aspetta di vedere se e come Draghi sarà in grado
di sorprendere", spiega Giuseppe Sersale, fund manager di
Anthilia Capital.
    Se il numero uno della banca centrale europeo scontenterà
gli investitori, potrebbe esserci una "robusta correzione", ha
aggiunto.
    Tra i titoli più deboli si evidenziano i minerari a
causa del calo dei prezzi delle materie prime. BHP Billiton
, AngloAmerican e Rio Tinto cedono tutti
tra il 2 e il 2,5%. Il prezzo del rame a Londra è sui minimi
della settimana oggi a fronte del rialzo del dollaro e
dell'indebolimento della domanda in Cina.
    Il comparto energia segna una lieve risalita dai
minimi annui dopo la notizia secondo cui l'Arabia saudita
proporrà un deal per bilanciare il mercato. Nonostante la salita
dei prezzi del greggio, infatti permane un eccesso di offerta.
    Bene anche il comparto auto (+1,3%) che con un nuovo
allentamento da parte della Bce si gioverebbe di un
indebolimento dell'euro anche a fronte di una risalita dei tassi
Usa.
   Tra gli altri titoli in evidenza, l'utility tedesca E.ON
 sale del 3% dopo che Jefferies ha cominciato la
copertura del titolo con un buy e un target price a 10,50 euro.
    
Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia