BORSE EUROPA -In ribasso con commodity, banche, a picco Arcandor

lunedì 8 giugno 2009 10:27
 

                                indici             chiusura
                             alle 10,25    var%      2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.458,79    -1,75    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        858,83    -1,54      831,97
DJ Stoxx banche          179,78    -1,7       149,51
DJ Stoxx oil&gas         300,73    -1,5       264,50
DJ Stoxx tech            170,11    -1,32      152,86
---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 8 giugno (Reuters) - Inizio di settimana nel segno
della lettera per le borse del Vecchio Continente, con gli
investitori a caccia di visibilità sulle prospettive
dell'economia. Industria estrattiva, energetici e finanziari
accusano i ribassi più consistenti, mentre telefonici e
farmaceutici confermano il proprio carattere difensivo,
contenendo le perdite.
 Intorno alle 10,25 l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU3 perde
l'1,75%, lo Stoxx 600 .STOXX l'1,6%. Sulle singole piazze Ftse
100 .FTSE (-1,4%), Cac-40 .FCHI (-1,65%), Dax .GDAXI
(-1,75%).
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * A picco le quotazioni di ARCANDOR (AROG.DE: Quotazione) (-31%): fonti
governative hanno riferito che il comitato per gli aiuti di
stato sarebbe contrario ad offrire supporto al gruppo retail.
 * DEUTSCHE POSTBANK DPBGn.DE sugli scudi dopo che il
giornale Handelsblatt ha scritto che DEUTSCHE BANK (DTEGn.DE: Quotazione) ha
incrementato la propria partecipazione attraverso acquisti sul
mercato. Il titolo ha ridotto solo in misura contenuta il rialzo
dopo che una fonte ha detto che la banca tedesca non ha in
programma l'acquisizione della società.
 * La flessione delle quotazioni del greggio CLc1 - oltre
un dollaro - pesa sui petroliferi: BP (BP.L: Quotazione), Royal Dutch Shell
(RDSa.AS: Quotazione), Total (TOTF.PA: Quotazione) e Repsol (REP.MC: Quotazione) cedono tra lo 0,5%
e l'1,6%.
 * Nel settore dell'industria estrattiva Rio Tinto (RIO.L: Quotazione),
BHP Billiton (BLT.L: Quotazione), Anglo American (AAL.L: Quotazione), Xstrata XTA.L e
Kazakhmys (KAZ.L: Quotazione) lasciano sul campo fra il 3,8% e il 4,85%.
 * Pesano sul mercato anche i bancari con Barclays (BARC.L: Quotazione),
UBS UBSB.VX, Societe Generale (SOGN.PA: Quotazione), Fortis FOR.BR,
Swedbank (SWEDa.ST: Quotazione), Lloyds Banking Group (LLOY.L: Quotazione) e Deutsche
Bank (DBKGn.DE: Quotazione).
 * In controtendenza EADS EAD.PA, che sale dello 0,7% dopo
un upgrade a "neutral" di Goldman Sachs.
 * Tra i farmaceutici Novartis NOVN.VX guadagna circa l'1%
dopo che, in una sperimentazione clinica di fase II, il suo
farmaco Afinitor ha ridotto del 50% le dimensioni del tumore in
un terzo dei pazienti affetti da linfoma.
 * In grande spolvero la biotech danese NEURORESEARCH
(NEUR.CO: Quotazione) dopo il via libera della Food and Drug Administration
americana al suo studio di fase III per il farmaco anti-obesità
tesofensine.