BORSE EUROPA - Indici vanno giù con banche e petroliferi

martedì 7 aprile 2009 16:02
 

                               indici              chiusura
                              alle 15,50   var%        2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.147,17    -1,5     2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        757,28    -1,15      831,97
DJ Stoxx banche          135,66    -3,38      149,51
DJ Stoxx oil&gas         255,39    -1,69      264,50
DJ Stoxx tech            155,52    -2,15      152,86
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 7 aprile (Reuters) - Le borse europee proseguono in
terreno negativo per il terzo giorno consecutivo depresse dalle
banche, su rinnovati timori sul settore, e dai petroliferi,
penalizzati dal calo delle quotazioni del greggio.
 Sui mercati c'è comunque cautela in vista dell'avvio della
stagione dei risultati societari negli Usa. La prima sarà Alcoa
(AA.N: Quotazione) stasera a mercati chiusi.
 Intorno alle 15,50 l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU3 cede
l'1,18%. Tra i singoli listini, Parigi .FCHI è in calo
dell'1,6%, Francoforte .GDAXI dell'1,36% e Londra .FTSE
dell'1,69%.
Tra i titoli in evidenza:
* PLENUM PLEG.DE sale del 19% circa dopo aver comunicato
solidi risultati 2008, tra cui un incremento del 5,5% dei
ricavi.
 * Il tecnologico FREENET FNTG.DE avanza di oltre un punto
percentuale grazie alla nomina di Christoph Vilanek alla carica
di AD.
 * KLOECKNER (KCOGn.DE: Quotazione) cede oltre il 9% penalizzato da un
fosco outlook da parte di DZ Bank, che vede nel 2009 un anno
impegnativo per il trader tedesco di metalli e acciaio.
 * BOWLEVEN (BLVN.L: Quotazione) affonda del 38% circa dopo aver
annunciato che i colloqui per una possibile offerta sono
terminati. La società petrolifera ha comunque rassicurato di
avere fondi sufficienti per far fronte al 2009 e di essere
sempre alla ricerca di soluzioni alternative di finanziamento.
* STRABAG (STRV.VI: Quotazione) è in calo di quasi il 9%. Il costruttore
austriaco ha annunciato risultati annuali inferiori alle
aspettative, demolendo il proprio outlook.