Borse Europa positive dopo Pmi Francia e Germania oltre attese

martedì 24 marzo 2015 11:50
 

INDICI                       ORE 11,45   VAR %    CHIUS. 2014
 EUROSTOXX50                  3713,49     0,39     3146,43
                                                   
 FTSEUROFIRST300              1602,99     0,17     1368,52
 STOXX BANCHE                 214,92      0,44     188,77
 STOXX OIL&GAS                312,16      -0,26    284,47
 STOXX ASSICURAZIONI          302,74      0,23     250,55
 STOXX AUTO                   649,38      0,21     501,31
 STOXX TLC                    370,73      0,06     320,05
 STOXX TECH                   368,94      0,46     312,18
 
    PARIGI, 24 marzo (Reuters) - L'azionario europeo resta in
moderato rialzo a metà mattina, sostenuto da dati oltre le
attese sul settore privato nell'area euro, e in particolare in
Germania, che hanno ridimensionato le notizie negative di questa
mattina sul Pmi cinese ai minimi degli ultimi 11 mesi.
     Alle 11,45 italiane, l'indice FTSEurofirst 300 segna +0,17%
a quota 1602,99.
    Tra le piazze nazionali, alla stessa ora il britannico FTSE
100 segna +0,18%, il Dax tedesco +0,17%, mentre
il francese CAC 40 sale dello 0,37.
    L'attività del settore privato tedesco a marzo è cresciuta
al ritmo più consistente da otto mesi, a ulteriore conferma di
come la prima economia europea stia guadagnando slancio.
    Sempre a marzo, il settore privato francese ha registrato
un'espansione dell'attività per il secondo mese consecutivo, in
linea ai recenti dati che hanno evidenziato un ritorno alla
crescita della seconda economia della zona euro.
    Anche il dato complessivo dell'area euro registra
un'accelerazione oltre le attese in marzo, a segnalare come
probabilmente l'estensione del programma di quantitative easing
della Bce ai titoli di Stato stia già mostrando i suoi frutti.
    "La situazione dell'area euro si va facendo estremamente
positiva: tassi di interesse bassi, euro debole e prezzi delle
materie prime in calo, accoppiati con una azione forte e decisa
della Bce", commenta Christian Jimenez, fund manager e
presidente di Diamant Bleu Gestion a Parigi.
    "Unico rischio nel medio termine, il rialzo dei tassi Usa,
ma è un'evenienza in  gran parte già scontata dal mercato".
    L'azionario europeo ha corso dall'inizio dell'anno - il Dax
ha guadagnato il 21% - con gli investitori che scommettono che
la debolezza dell'euro rafforzerà l'economia della regione e i
risultati societari.
    
    I titoli in evidenza oggi:
    Carrefour cede l'1,5 percent dopo aver venduto in
un private placement l'1,7% del suo capitale.
    Royal Dutch Shell perde lo 0,2% e Rio Tinto 
lo 0,3% fiaccate dai dati deboli sul Pmi cinese che lasciano
presagire un ulteriore calo della domanda di materie prime.
 
    
    
Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia