BORSE EUROPA - Indici positivi su scia Bce nonostante vittoria Tsipras

lunedì 26 gennaio 2015 11:21
 

INDICI                           ORE 11,10   VAR %  CHIUS. 2014
 EUROSTOXX50                      3397,85      0,45  3146,43
 FTSEUROFIRST300                  1484,41      0,33  1368,52
 STOXX BANCHE                      193,5      -0,01   188,77
 STOXX OIL&GAS                     297,31     -1,25   284,47
 STOXX ASSICURAZIONI               275,69      0,19   250,55
 STOXX AUTO                        580,94      1,24   501,31
 STOXX TLC                         356,95      0,28   320,05
 STOXX TECH                        330,39      0,63   312,18
  
    PARIGI, 26 gennaio (Reuters) - Le borse europee sono tornate in territorio
positivo dopo il calo registrato in avvio di seduta sulla scia della netta
vittoria in Grecia di Syriza.
    La borsa di Atene perde invece lo 0,7% circa, zavorrata dai bancari,
con gli investitori cauti in attesa che Tsipras formi un nuovo governo, secondo
le fonti entro mercoledì.
    I dubbi sulla tenuta dell'Eurozona alimentati dalla vittoria del partito
della sinistra radicale greca - che ieri alle urne ha sfiorato la maggioranza
assoluta - non hanno fermato il rally legato al piano di stimolo deciso dalla
Bance centrale europea.
    Alle 11,10 italiane l'indice FTSEurofirst 300 sale dello 0,33% a
quota 1.484,41 punti.
    Tra le piazze europee, Parigi segna un progresso dello 0,4%,
Francoforte dello 0,8%, Londra perde lo 0,18%.
    Il leader di Syriza, Alexis Tsipras, ha promesso che i cinque anni di
austerità, "umiliazioni e sofferenze" imposti ad Atene dai creditori
internazionali sono finiti, dopo la vittoria netta portata a casa ieri dal suo
partito.
    Tsipras stamani ha annunciato che Syriza - che ha ottenuto 149 seggi su 300
- darà vita a un governo assieme alla formazione di destra 'Greci indipendenti',
anche'essa contraria al piano di salvataggio internazionale.
    Tra i titoli in evidenza:
    Male i bancari ad Atene: Piraeus Bank perde circa il 7,3%, dopo
aver toccato nel corso della mattina il minimo storico, e Alpha Bank 
oltre il 3,6%.
    La società biofarmaceutica Shire guadagna quasi il 3,3%, toccando i
massimi da oltre tre mesi, dopo che le autorità Usa hanno approvato il farmaco
per l'ipoparatiroidismo Natpara prodotto da NPS Pharmaceuticals, un risultato
che dà ragione a Shire che recentemente ha acquistato NPS per 5,2 miliardi di
dollari.
    ArcelorMittal e Aperam perdono rispettivamente lo 0,3% e
il 3,2% sulla scia dei dati cinesi sulla produzione di acciacio.    
    La società tedesca del settore difesa Rheinmetall perde quasi il
5,4% sulla scia della notizia circolata sulla stampa che Berlino avrebbe deciso
lo stop all'export di armi all'Arabia Saudita.    
    Petra Diamonds perde il 5% dopo aver abbassato i prezzi dei diamanti
a causa della debolezza del mercato.  
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news
anche su www.twitter.com/reuters_italia