BORSE EUROPA - Indici ai massimi di sette anni, occhi su Bce

lunedì 19 gennaio 2015 11:58
 

INDICI                         ORE 11,30   VAR %    CHIUS. 2014
 EUROSTOXX50                    3212,27     0,32     3046,43
 FTSEUROFIRST300                1410,49     0,23     1368,52
 STOXX BANCHE                    183,66     0,59      188,77
 STOXX OIL&GAS                   282,74     -1,02     284,47
 STOXX ASSICURAZIONI             261,67     0,09      250,55
 STOXX AUTO                      534,03     0,45      501,31
 STOXX TLC                       336,08     0,65      320,05
 STOXX TECH                      314,35     0,15      312,18
 
    PARIGI, 19 gennaio (Reuters) - L'azionario europeo è sui massimi degli
ultimi sette anni questa mattina, sostenuto dalle aspettative di mercato secondo
cui la Bce giovedì darà il via ad un programma di acquisto massiccio di bond per
rilanciare l'economia europea.
    Alle 11,30 italiane, l'indice paneuropeo FTSEurofirst 300 guadagna
lo 0,23% a quota 1410,49, un livello che non si vedeva dall'inizio del 2008.
    Tra le piazze europee, Londra sale dello 0,1%, Parigi dello
0,08%, Francoforte dello 0,43% scambiando su livelli record. 
    L'attesa che la banca centrale europea comincerà a stampare moneta per
comprare bond governativi in un quantitative easing teso a rivitalizzare
l'inflazione ha innescato un rally sui mercati, aiutando gli indici europei a
performare meglio di Wall Street questo mese.
    "Il quantitative easing è sulla rampa di lancio", commenta Jean-Louis
Cussac, capo di Perceval Finance, con sede a Parigi.
    "C'è un bias positivo tra gli operatori in vista della riunione Bce di
giovedì, ma il mercato resta molto volatile e ci sono molti punti interrogativi
sul rialzo più si va avanti".
    In controtendenza al generalizzato tono positivo, l'indice greco 
 cede lo 0,36% sui timori legati alla situazione politica del Paese. Un
sondaggio ha mostrato sabato che Syriza, partito di sinistra contrario al
bailout, sta rafforzando la sua posizione di testa sui conservatori al governo
ad appena otto giorni dalle elezioni.  
    Tra i titoli in evidenza oggi:
    Julius Baer è tra i migliori del listino, in rialzo di oltre il
5%, dopo aver annunciato che non subirà alcuna perdita a seguito della decisione
della banca nazionale svizzera di togliere il cap sul franco svizzero dopo tre
anni.  
    Renault guadagna lo 0,3% dopo aver annunciato un aumento del 3,2%
nelle vendite di veicoli nel 2014.
    Societe Generale sfiora un rialzo del 2% dopo la nomina dell'ex
membro italiano del board Bce Lorenzo Bini Smaghi alla presidenza della banca.
    La spagnola Telefonica sale del 2,02% dopo la notizia stampa
secondo cui è in colloqui iniziali con Hutchison per la vendita di O2
per una cifra superiore ai 13 miliardi di euro.
    
    
Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche
su www.twitter.com/reuters_italia