BORSE EUROPA - Mercati in calo dopo dati su Giappone in recessione

lunedì 17 novembre 2014 10:32
 

INDICI                           ORE 10,20   VAR %    CHIUS. 2013
 EUROSTOXX50                      3039,82     -0,66    3019
 FTSEUROFIRST300                  1338,11     -0,53    1316,39
 STOXX BANCHE                     185,44      -0,99    194,21
 STOXX OIL&GAS                    308,85      -0,56    335
 STOXX ASSICURAZIONI              239,03      -0,69    228,22
 STOXX AUTO                       453,8       -1,36    481,95
 STOXX TLC                        311,36      -0,11    297,6
 STOXX TECH                       286,99      -0,02    290,51
 
    PARIGI, 17 novembre (Reuters) - I mercati europei sono oggi in ribasso per i
timori sul rallentamento della crescita globale, dopo i dati che indicano che il
Giappone, terza economia mondiale, è in recessione.
    Alle 10,20 italiane circa l'indice paneuropeo FTSEurofirst 300 cede
lo 0,53%, a 1338,11 punti.
    Il Dax tedesco perde lo 0,73%, il Cac francese lo 0,53%.
Londra scende dello 0,39.
    Il Pil del Giappone è sceso a un tasso annuo dell'1,6% nel periodo
luglio-settembre, dopo aver perso il 7,3% nel secondo trimestre a seguito
dell'aumento dell'Iva, che ha drammaticamente colpito la spesa per i consumi. Le
previsioni indicavano un rimbalzo del 2,1% nel terzo trimestre.
    Intanto, il G20 austrialiano si è concluso ieri con un accordo per sostenere
la crescita globale, combattere il cambiamento climatico e l'evasione fiscale,
ma le relazioni tra Occidente e Russia restano difficili sulla crisi in Ucraina.
    Il petrolio è di nuovo in calo, con il greggio Usa che è sceso a 75,18
dollari a barile, il Brent a 78,55 dollari.
    Tra i titoli in evidenza oggi:
    Hennes & Mauritz : Il secondo più grande retailer di moda al mondo
ha registrato oggi un aumento del 14% nelle vendite ad ottobre rispetto a un
anno prima, meglio delle previsioni. Il titolo guadagna oltre l'1,5%.
    Vivendi : Il gruppo francese specializzato in media ha quasi
raddoppiato i profitti a 2,75 miliardi di euro nei primi nove mesi dell'annpo,
grazie anche alla vendita della controllata telecom in Marocco e della vendita
del pacchetto azionario di Beats, noto produttore di cuffie audio.
    UBS. Tra le sei banche multate la settimana scorsa dall'autorità
di settore britannica per lo scandalo dei tassi di scambio sulle valute, Ubs
punta a recuperare i bonus dei suoi trader. Perde lo 0,7%.
    Siemens : L'amministratore delegato joe Kaeser ha detto che
l'unità specializzata in apparecchiature mediche resterà all'interno
dell'azienda per il prossimo futuro, liquidando le ipotesi sulla possibile
vendita. Il titolo è in perdita.
    
    
Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su
www.twitter.com/reuters_italia