Borse europee, avvio previsto in calo, occhi su titoli minerari

mercoledì 12 marzo 2014 08:12
 

LONDRA, 12 marzo (Reuters) - Per le borse europee oggi si prevede un'apertura in calo, sulle orme di Wall Street e dei mercati azionari asiatici, con una riduzione dei prezzi dei metalli provocata dai timori sull'economia cinese, e più in generale sulla situazione geopolitica, che colpisce i titoli minerari in particolare.

Il rame ha toccato il minimo da 44 mesi sui crescenti timori che una serie di insolvenze legate al credito in Cina, il principale utilizzatore mondiale di rame - con oltre il 40% del consumo globale - possano far saltare alcuni accordi finanziari sulla materia prima e scatenare ulteriori vendite.

L'azienda cinese Baoding Tianwei Baobian Electric ha annunciato per il secondo anno consecutivo una perdita netta, provocando la sospensione del titolo e dei suoi bond alla borsa di Shanghai e la crescita dei timori che possa finire in bancarotta proprio sul pagamento delle obbligazioni, dopo il fallimento di Chaori Solar la scorsa settimana. In Cina la maggior parte dell'import di rame viene utilizzato come garanzia per raccogliere finanziamenti.

Gli spreadbetter finanziari prevedono che l'indice britannico FTSE 100 apra in ribasso di 41-43 punti, pari almeno a -0,6%, il tedesco DAX perda subito dai 23 ai 28 punti, -0.3%, e il francese CAC 40 dai 12 ai 13 points, -0,3%.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia