BORSE EUROPA - Indici in calo su prospettiva riduzione stimolo Fed

mercoledì 7 agosto 2013 10:53
 

INDICI                       ORE 10,40   VAR %  CHIUS. 2012
 EUROSTOXX50                  2.783,92    -0,25  2.635,93
 FTSEUROFIRST300              1.216,85    -0,33  1.133,96
 STOXX BANCHE                 177,33      -0,31  163,19
 STOXX OIL&GAS                314,07      -0,65  322,84
 STOXX ASSICURAZIONI          203,83      +0,30  177,11
 STOXX AUTO                   417,89      -0,79  351,07
 STOXX TECH                   257,69      -0,74  229,37
    LONDRA, 7 agosto (Reuters) - Le borse europee sono in calo
dopo che ieri alcuni esponenti di Federal Reserve hanno
prospettato un'imminente riduzione del programma di sostegno
della banca centrale Usa.
    Tra questi, il presidente della Fed di Chicago Charles Evans
ha detto che la banca centrale potrebbe iniziare a
ridimensionare il programma di acquisto di titoli nel corso di
quest'anno, forse anche il prossimo mese, a seconda delle
indicazioni che arriveranno dai dati macro. 
    "Ora crediamo che per il mercato sia chiaro che il
ridimensionamento (del 'quantitative easing') ci sarà" spiega
Franz Wenzel, strategist presso AXA Investment Managers, che si
aspetta un miglioramento dei dati macro e che la Fed inizi a
ridmensionare gli acquisti di titoli a settembre.
    "In gran parte è probabilmente già prezzato, ma quando i
dati e la notizia della riduzione appariranno sugli schermi ci
potrebbe essere un po' di volatilità", aggiunge.
    Attorno alle 10,40, l'indice delle bluechip europee
FTSEurofirst 300 cede lo 0,33%. Tra le singole piazze,
Londra cede lo 0,34%, Parigi lo 0,38% e
Francoforte lo 0,55%.
      
    Tra i titoli in evidenza:
    * ING sale di oltre il 3% sulla scia dei risultati.
    * NATIXIS cede il 2,7% all'indomani della
semestrale.
    * BRENNTAG perde il 5,2% dopo aver chiuso il
secondo trimestre con utili core sotto le attese, spiegando che
il risultato dell'intero anno potrebbe risultare probabilemnte
inferiore alle attese degli analisti.  
    * Minerari in calo, zavorrati da RANDGOLD RESOURCES,
in calo del 4,2% dopo aver annunciato che l'utile trimestrale è
sceso del 62%, a causa della caduta del prezzo dell'oro. Il
giorno prima anche Fresnillo aveva pubblicato deboli
risultati.
    * BEIERSDORF, il produttore delle creme Nivea,
cede il 3,4%. I trader spiegano la discesa con le deludenti
stime di margini per l'intero anno date dalla società.
    * Il gruppo editoriale AXEL SPRINGER sale del 4%,
spinto dall'utile miglior edelle attese, con le pubblicazioni
digitali che sono riuscite a controbilanciare la debole
performance della carta stampata.
    
    
                                                                
     Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia