BORSE EUROPA da piatte a deboli a metà seduta, aspettano Bce

mercoledì 3 giugno 2015 11:50
 

LONDRA, 3 giugno (Reuters) - 
     INDICI                    ORE 11,40   VAR %     CHIUS. 2014
 EUROSTOXX50                   3582,28     0,2       3146,43
 FTSEUROFIRST300               1582,84     -0,28     1368,52
 STOXX BANCHE                  219,5       0,46      188,77
 STOXX OIL&GAS                 322,68      -0,06     284,47
 STOXX ASSICURAZIONI           282,03      250,55    
 STOXX AUTO                    633,88      -0,55     501,31
 STOXX TLC                     377,87      -0,05     320,05
 STOXX TECH                    366,18      -0,34     312,18
    Le borse europee sono poco mosse in apertura, con gli indici tendenzialmente
deboli in attesa del board Bce.
   Alle 11,40 italiane l'indice europeo FTSEuroFirst 300 è in calo dello 0,28%
 a 1.582,84 punti. Dall'inizio dell'anno segna un progresso del 15%
circa.
    Tra le piazze nazionali, alla stessa ora il  britannico FTSE 100 
segna -0,05%, il Dax tedesco +0,41%, mentre il francese CAC 40 
sale dello 0,08.
   La Banca centrale europea riunisce oggi il consiglio dal quale non ci si
aspettano novità sul fronte della politica monetaria, ma un'attenzione
particolare verrà prestata ai commenti di Draghi sull'andamento dell'economia a
corredo delle nuove previsioni trimestrali dello staff, soprattutto per la
dinamica dell'inflazione.
    Restano sullo sfondo le preoccupazioni legate al debito greco. I creditori
hanno predisposto le linee guida di un accordo per il governo di Atene nel
tentativo di chiudere quattro mesi di duri negoziati e poter concedere gli aiuti
prima di un default.
    Il borsa greca crede in un'intesa a breve e sale del 2,6%.
    "L'azionario europeo mostra pochi segnali di un rimbalzo imminente dopo le
perdite dei giorni scorsi", commenta Markus Huber, senior analyst di Peregrine &
Black. "C'è un certo ottimismo riguardo ad un prossimo accordo ma per ora è
probabile continui l'incertezza.
    In evidenza tra gli altri titoli, i gruppi della grande distribuzione Ahold
 e Delhaize che salgono rispettivamente del 2,6 e del 5,1% a
seguito di speculazioni su un possibile merger entro giugno. 
    Il titolo di turismo online Amadeus perde il 6,2% dopo che la
compagnia aerea tedesca Lufthansa ha fatto sapere che metterà una tassa di 16
euro sui biglietti non acquistati sul proprio sito. Secondo gli analisti, c'è il
timore che altre aerolinee seguano il suo esempio. 
    
   
Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche
su www.twitter.com/reuters_italia