BORSE EUROPA - Indici poco sotto massimi, visto modesto 'tapering' Fed

mercoledì 18 settembre 2013 10:21
 

INDICI                       ORE 10,15   VAR %  CHIUS. 2012
 EUROSTOXX50                    2.900,69   0,34      2.635,93
 FTSEUROFIRST300                1.256,30   0,29      1.133,96
 STOXX BANCHE                     187,36   0,81        163,19
 STOXX OIL&GAS                    324,27  -0,12        322,84
 STOXX ASSICURAZIONI              206,26   0,25        177,11
 STOXX AUTO                       442,91   0,26        351,07
 STOXX TLC                        268,01   0,05        225,36
 STOXX TECH                       278,19   0,66        229,37
    
    LONDRA, 18 settembre (Reuters) - Azionario europeo sulle
posizioni, poco al di sotto del record degli ultimi cinque anni,
in un mercato che scommette su un intervento molto graduale e
calibrato da parte di Federal Reserve nella riduzione del
programma di 'quantitative easing'.
   Il verdetto della banca centrale Usa arriverà a mercati
europei chiusi ma è ormai una settimana che domina incontrastato
le aspettative dei mercati finanziari.
   Gli investitori scommettono su una riduzione moderata -
secondo l'ultimo sondaggio Reuters nell'ordine di grandezza dei
10 miliardi di dollari sul totale mensile di 85 - degli acquisti
di titoli di Stato e titoli garantiti da mutui da parte della
banca guidata da Ben Bernanke.
   A fotografare il clima di relativa tranquillità, l'indicatore
sulla volatilità resta prossimo ai minimi storici, pur a
fronte della prospettiva di una graduale inversione di rotta da
parte delle principali banche centrali.
   Secondo l'analista Deutsche Bank Jim Reid il panorama macro,
per quanto in miglioramento, non è ancora abbastanza solido
perché Federal Reserve acceleri nella rimozione delle misure
ultra-espansive di politica monetaria.
    Intorno alle 10,15 l'indice paneuropeo FTSEurofirst 300
 risale di 0,3%, mentre tra le singole piazze fa +0,15%
Londra, +0,24% Francoforte e +0,22% Parigi
. 

    I titoli in evidenza:
    * In calo di oltre 1% Bnp Paribas : il governo
belga, scrivono oggi due quotidiani finanziari da Bruxelles,
starebbe valutando di dismettere una parte della propria quota
di 10,3% nell'istituto francese per riportare il debito pubblico
entro il 100% del Pil.
    * Inditex, controllante di Zara e prima catena di
abbigliamento al mondo, viaggia in rialzo di circa 0,5% dopo la
diffusione dei risultati del primo semestre lievemente migliori
delle attese, correlata dalla guidance moderatamente ottimista
sul terzo trimestre. 
    * Arretra di mezzo punto il titolo Deutsche Bank :
l'istituto intende cedere tramite 'bookbuilding' accelerato una
quota nella società britannica Crest Nicholson, attiva
nel settore edile, in modo da ridurre la propria partecipazione
a circa 9%.
    * Denaro su Peugeot, che secondo 'Les Echos' ha
incaricato due banche d'affari di studiare una possibile
alleanza sul mercato dei capitali con in partner cinese 
Dongfeng.
    * In lieve rialzo Bayer : per il quotidiano
'Rheinische Post', che cita fonti dopo un incontro societario di
ieri, il gruppo ha un piano di esuberi di 700 - di cui 180 in
Germania - nei prossimi quattro anni per la divisione 
MaterialScience.
    * Pesante Lanxess, in calo di circa 2,5%. Il primo
produttore mondiale di gomma sintetica per pneumatici ha
annunciato ieri sera un piano di tagli dei costi da 100 milioni
l'anno a partire dal 2015 in modo da far fronte alla debolezza
della domanda. 
    * Brilla Nokia, con un progresso superiore a 2%
dopo la promozione da parte di Credit Suisse di cui
indirettamente beneficia l'intero comparto dei tecnologici.
    
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia