BORSE EUROPA - Indici in lieve calo, aiutano segnali ripresa, pesa Siria

lunedì 9 settembre 2013 11:00
 

INDICI                       ORE 10,45  VAR %  CHIUS. 2012
 EUROSTOXX50                   2.798,56  -0,17      2.635,93
 FTSEUROFIRST300               1.227,59  -0,18      1.133,96
 STOXX BANCHE                    181,92  -0,01        163,19
 STOXX OIL&GAS                   324,09  -1,03        322,84
 STOXX ASSICURAZIONI             200,09  +0,78        177,11
 STOXX AUTO                      427,46  +0,52        351,07
 STOXX TLC                       262,75  -0,18        225,36
 STOXX TECH                      262,68  -0,20        229,37
    
    PARIGI, 9 settembre (Reuters) - Borse europee sono in lieve
calo alle prime battute, sui segnali di ripresa economica che
attirano gli investitori, anche se i timori per un possibile
attacco militare in Siria pesano sul mercato.
    Dai dati macro cinesi di oggi arrivano nuovi segnali di
stabilizzazione dall'economia, che sembra aver interrotto il
recente rallentamento e appare impostata a una possibile ripresa
di slancio. 
    I segnali di ripresa economica in Europa hanno portato
diversi analisti a migliorare il giudizio sulle borse europee e
i dati Thomson Reuters Lipper hanno evidenziato come gli
investitori Usa stiano gradualmente aumentando l'esposizione
all'azionario europeo, mentre riducono il mercato interno, il
Giappone e i paesi emergenti. 
    Intorno alle 10,45 il FTSEurofirst 300 cede lo
0,17%, l'Euro STOXX 50 lo 0,15%. 
    Tra le singole piazze, Londra -0,24%, Parigi 
-0,27%, Francoforte sale dello 0,06%.
                 
    I titoli in evidenza:
    * Le azioni del gruppo alimentare Tate & Lyle sono
in ribasso dopo la decisione di UBS di tagliare il rating a
"sell" da "neutral", per questioni di valutazione.
    * BG è in ribasso dopo aver detto che il ritardo su
alcuni progetti in Egitto e Norvegia ridurranno la produzione
2014 di circa 30.000 barili al giorno.
     
    
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia