BORSE EUROPA - Indici in lieve rialzo, occhi a risultati banche

giovedì 23 febbraio 2012 10:18
 

INDICI                       ORE 10,05   VAR %  CHIUS. 2011
 EUROSTOXX50                  2.530,56    +0,50  2.316,55
 FTSEUROFIRST300              1.080,26    +0,30  1.001,39
 STOXX BANCHE                 156,02      +0,66  132,54
 STOXX OIL&GAS                357,34      -0,16  337,35
 STOXX ASSICURAZIONI          153,80      +1,00  133,25
 STOXX AUTO                   345,78      +0,14  259,04
 STOXX TECH                   211,80      +0,92  188,27
 	
    LONDRA, 23 febbraio (Reuters) - Avvio di seduta stabile per
le borse europee, che soppesano i risultati contrastanti
annunciati da alcuni big bancari, con Commerzbank che
affonda sulla scia di utili colpiti dalla crisi del debito della
zona euro.	
    Intorno alle 10,05 l'indice paneuropeo FTSEurofirst 300
 guadagna lo 0,3% circa. Francoforte avanza
dello 0,8%, Parigi dello 0,5%, Londra dello
0,4%.	
    L'indice di volatilità Euro STOXX 50, un indicatore
del nervosismo del mercato azionario europeo, scende ai minimi
di sette mesi, segnalando un miglioramento nella propensione al
rischio.	
   	
    I titoli in evidenza:	
    * COMMERZBANK lascia sul terreno il 3,6% dopo
l'annuncio che gli utili del quarto trimestre sono stati
penalizzati da svalutazioni per 700 milioni di euro sul debito
sovrano greco.  	
    * NATIXIS balza invece del 3,7% su utili del
quarto trimestre superiori alle attese.	
    * Sempre a Parigi CREDIT AGRICOLE, che ha
registrato nel quarto trimestre una perdita netta record e più
ampia del previsto, cede oltre il 2%. 	
    * L'istituto franco-belga DEXIA scende di quasi il
3%, appesantito dall'enorme perdita registrata nel 2011.
[ID:nL5E8DN0BL* 	
    * RAIFFEISEN BANK INTERNATIONAL guadagna il 4,5%
sulla scia dei risultati preliminari 2011.	
    * La spagnola IBERDROLA perde oltre il 2% dopo il
taglio della guidance 2010-2012.	
    * I titoli del settore solare europeo perdono terreno dopo
che fonti governativi e industriali hanno detto a Reuters che la
Germania ha deciso di accelerare di tre mesi - all'1 aprile - il
prossimo round di tagli agli incentivi statali per il
fotovoltaico dopo l'espansione record dell'energia solare nel
2011. La norvegese RENEWABLE ENERGY CORP e le tedesche
SOLARWORLD e SMA SOLAR segnano cali
nell'ordine del 2-3%.	
    	
    
                                                                
                                                                
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia