BORSE EUROPA-Indici scivolano in avvio,pesano commodity e banche

venerdì 5 dicembre 2008 09:47
 

                                indici               chiusura
                               alle 9,35    var%      2007
--------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E    2.324,32    -1,79    4.399,72
FTSEurofirst300 .FTEU3        814,40     -1,49    1.506,61
DJ Stoxx banche          158,65     -1,21      424,26
DJ Stoxx oil&gas         261,87     -3,7       442,02
DJ Stoxx tech            149,96     -2,17      304,27
--------------------------------------------------------------
LONDRA, 5 dicembre (Reuters) - Le borse europee scivolano in
avvio, sulla scia delle perdite di Wall Street ieri sera e
appesantite dai timori di una profonda recessione e di un
deterioramento delle prospettive economiche. Prevale la cautela
anche in attesa dei dati sull'occupazione Usa in novembre.
 Alle 9,30 l'indice Ftseurofirst 300 .FTEU3 cede lo 0,94% a
818,96 punti. Il benchmark ha perso oltre 45 punti dall'inizio
dell'anno.
 I petroliferi trainano al ribasso l'indice, con il greggio
CLc1 intorno ai 44 dollari il barile, minimo da quattro anni.
Gli occhi sono puntati al livello chiave di 40 dollari.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * BP (BP.L: Quotazione), Royal Dutch Shell (RDSa.L: Quotazione), il produttore di
gas BG Group BG.L e Tullow Oil (TLW.L: Quotazione) scivolano tra il 2 e il
3%.
 * Male anche le banche, con Ubs a meno 2,5% e Standard
Chartered Bank (STAN.L: Quotazione) in calo di oltre l'1%.
 "Sembra che gli investitori abbiano deciso che è più sicuro
ritirare dal mercato i propri guadagni e rivalutare il tutto
dopo il dato sugli occupati non agricoli Usa nel pomeriggio",
dice Chris Hossain, senior sales manager di ODL Securities.
 "Questi dati probabilmente determineranno in ampia misura
l'andamento dei prossimi giorni di mercato", aggiunge.
 I dati sugli occupati non agricoli Usa a novembre sono
attesi alle 14,30. Gli economisti interpellati da Reuters hanno
previsto una perdita di 340.000 posti nel mese rispetto a un
calo di 240.000 in ottobre.
 * I minerari seguono la debolezza del prezzo del greggio.
BHP Billiton (BLT.L: Quotazione), Anglo American (AAL.L: Quotazione), Vedanta Resources
(VED.L: Quotazione), Lonmin (LMI.L: Quotazione), Kazakhmys (KAZ.L: Quotazione), Xstrata XTA.L and
Antofagasta (ANTO.L: Quotazione) segnano cali superiori al 3%.
 Wall Street ha perso terreno ieri sera. Il netto calo del
greggio ha pesato sull'energia mentre le deludenti prospettive
degli utili societari di grossi gruppi come Merck (MRK.N: Quotazione)
agitano lo spettro di un peggioramento dell'economia.