BORSE EUROPA - Indici in rialzo con energia, materie prime

lunedì 4 maggio 2009 15:56
 

                                indici              chiusura
                             alle 15,45     var%        2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.395,09    +0,83    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        837,27    +0,92      831,97
DJ Stoxx banche          169,11    +0,41      149,51
DJ Stoxx oil&gas         282,46    +2,10      264,50
DJ Stoxx tech            172,77    +1,23      152,86
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 4 maggio (Reuters) - Le borse europee proseguono
positive con scambi sottili per la chiusura del mercato
londinese, favorite dai titoli energetici e delle materie prime.
 L'azionario continentale beneficia del sentiment ottimista
su una ripresa dell'economia dopo i confortanti dati europei e
asiatici in attesa di nuove indicazioni dal dato mensile sulla
vendita di nuove case in Usa.
 Restano forti i petroliferi con le quotazioni del greggio
che viaggiano sopra i 53 dollari il barile. Lo Stoxx di settore,
tra i migliori, segna un rialzo di oltre il 2%.
 "Certamente c'è un mercato abbastanza forte...in particolare
i ciclici stanno salendo tanto. I meno ciclici stanno andandano
peggio del mercato e questo suggerisce che stiamo scommettendo
sulla ripresa dell'economia", commenta Heino Ruland, strategist
a Ruland Research.
 Alle 15,45 circa l'indice paneuropeo FTSEurofirts .FTEU
sale dello 0,9%. Tra le singole borse il Dax .GDAXI guadagna
l'1,6% e il Cac 40 .FCHI dell'1,4%..
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Tonici i finanziari, tra cui, DEUTSCHE BANK (DBKGn.DE: Quotazione),
BNP PARIBAS (BNPP.PA: Quotazione) e UNICREDIT (CRDI.MI: Quotazione). Balza di oltre l8%
ERSTE GROUP BANK (ERST.VI: Quotazione) ai massimi dei cinque mesi sulla scia
del rialzo di stime e target da parte di alcune banche d'affari
dopo i risultati di giovedì scorso. Sul settore bancario le
attese sono per i risultati degli stress test in Usa previsti
per giovedì prossimo. 
 
 * Cede l'1,5% invece UBS UBSN.VX penalizzata dalla ferma
opposizione da parte della stampa americana alle ipotesi di
accordo tra Svizzera e Usa sulla questione delle indagini
fiscali al colosso elvetico. Pesano anche o timori per una
uscita di Sergio Marchionne, AD di Fiat FIA.MI, dal cda della
banca, e per le nuove regole sugli "stress test". 
 
 * Deboli i farmaceutici come ROCHE ROG.VX, SANOFI-AVENTIS
(SASY.PA: Quotazione) e NOVARTIS NOVN.VX penalizzati da uno switch degli
investitori a favore dei titoli ciclici.