BORSE EUROPA - Tentano recupero dopo perdite di ieri, su banche

martedì 3 marzo 2009 09:53
 

                               indici              chiusura
                              alle 9,50    var%        2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   1.900,14     +0,92    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        689,47     +1,04      831,97
DJ Stoxx banche          102,75     +1,31      149,51
DJ Stoxx oil&gas         244,37     +1,28      264,50
DJ Stoxx tech            133,09     +1,14      152,86
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 3 marzo (Reuters) - All'indomani di pesanti perdite
le borse europee avanzano in positivo, con gli investitori a
caccia di affari tra i titoli più colpiti nei giorni scorsi.
 "Si tratta soltanto di un rally di sollievo dopo ieri, ma
non c'è nessun rafforzamento reale dei finanziari e le notizie
sono ancora negative", commenta Justin Urqhuart Stewart,
direttore di Seven Investment Management.
 Le banche tornano a respirare, con HSBC (HSBA.L: Quotazione) in rialzo
dell'1,3%, STANDARD CHARTERED (STAN.L: Quotazione) del 10% dopo i risultati
e UBS UBSN.VX a +3,7%.
 Buon avvio di seduta per i farmaceutici, con l'indice
 che sale dell'1,45% sulla fame di titoli difensivi per
limitare i rischi dell'azionario.
 In Gran Bretagna il ministro delle finanze Alistair Darling
ha detto al Daily Telegraph che la Banca di Inghilterra potrebbe
dare il via questa settimana all'acquisto di asset con capitale
emesso appositamente in modo da aumentare sia le scorte di
denaro sia l'economia.
 Secondo alcune fonti il paese dovrebbe svelare oggi un
pacchetto di sostegno ad alcuni progetti infrastrutturali
interrotti per l'avvio della crisi del credito.
 Nel mirino degli investitori sarà alle 16,00 l'audizione del
presidente della Federal Reserve Ben Bernanke davanti alla
Commissione bancaria del Senato per parlare di prospettive
economiche e situazione del budget.
 Intorno alle 9,50 il FTSEurofirst 300 .FTEU3 sale poco
sopra l'1%, mentre, tra i singoli listini, l'inglese Ftse 100
.FTSE guadagna l'1,37%, il tedesco Dax .GDAXI lo 0,88% e il
francese Cac 40 .FCHI l'1,23%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * STANDARD CHARTERED (STAN.L: Quotazione) balza di oltre il 10% portando
un po' di luce nel panorama delle banche inglesi sulla scia di
utili operativi in rialzo del 13% a 4,568 milioni di dollari
 * MUNICH RE (MUVGn.DE: Quotazione) scende dello 0,29% dopo aver
abbandonato l'obiettivo di un utile per azione a 18 euro nel
2010. Nell'intero 2008 il gruppo di riassicurazione tedesco ha
confermato un utile netto di 1,5 miliardi, in calo di quasi due
terzi rispetto al 2007.
 * BAYER BAYG.DE cede il 2,5% sulla riduzione delle attese
2009 sull'utile operativo a una flessione del 5%, da una
precedente previsione di crescita. L'Ebitda del quarto trimestre
è calato del 4,6% a 1,36 miliardi di euro, in linea con le
attese.
 * BP (BP.L: Quotazione) arretra dello 0,18%. Secondo il Times gli
azionisti della società temono una riduzione del dividendo per
la prima volta da 17 anni.
 * Risale del 4% HSBC (HSBA.L: Quotazione) all'indomani di pesanti
perdite dovute alla cattiva accoglienza riservata all'aumento di
capitale da 17,7 miliardi di dollari.
 * RENAULT (RENA.PA: Quotazione) guadagna il 2% sulle voci di un
possibile sostegno da 400 milioni di euro alla sua controllata
Nissan Motor NSANY.O da parte della Banca di investimento
europea.
 * Il gruppo farmaceutico belga UCB (UCB.BR: Quotazione) sale del 4% dopo
risultati superiori alle attese nel 2008, con un calo dell'1%
nei profitti core.
 * La società di prestiti immobiliari CATTLES CTT.L
precipita dell'80% dopo aver annunciato la sospensione di tre
manager in seguito alla scoperta di errori nel modo di rendere
conto dei crediti a rischio.
 * Il gruppo danese di ingredienti DANISCO DCO.CO cede
oltre il 17% sul lancio di un profit warning sul 2009 e sulla
decisione di licenziare 200 impiegati per fronteggiare il calo
della domanda.