BORSE EUROPA-Indici indecisi,denaro su industria estrattiva,tech

giovedì 3 settembre 2009 10:15
 

                               indici              chiusura
                             alle 10,10     var%       2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.708,79    +0,19    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        950,69    +0,03      831,97
DJ Stoxx banche          221,70    +0,11      149,51
DJ Stoxx oil&gas         298,39    -0,34      264,50
DJ Stoxx tech            181,32    +0,96      152,86
---------------------------------------------------------------
  MILANO, 3 settembre (Reuters) - Prime battute indecise sulle
piazze europee, con gli indici che altalenano dopo tre sedute
consecutive depresse dalle incertezze sulla forza della ripresa
economica.
 In un contesto volatile, gli acquisti si dirigono però con
decisione verso industria estrattiva e tecnologici.
 Intorno alle 10,10 l'indice europeo FTSEurofirst è pressoché
piatto. L'inglese Ftse 100 .FTSE cede lo 0,04%, il tedesco Dax
.GDAXI è anch'esso poco mosso e l'indice francese Cac 40
.FCHI avanza dello 0,11%.
  
 Tra i titoli in evidenza:
 * Il leggero apprezzamento di metalli come rame, zinco e
nichel, l'allungo dell'oro e l'effervescenza dei titoli
dell'industria estrattiva cinesi danno slancio ad ANGLO AMERICAN
(AAL.L: Quotazione), ANTOFAGASTA (ANTO.L: Quotazione) e RIO TINTO (RIO.L: Quotazione) che avanzano
dell'1,7%-2,7%.
 * In denaro anche il gruppo siderurgico tedesco THYSSENKRUPP
(TKAG.DE: Quotazione) dopo che, secondo alcune fonti, avrebbe un piano per
rafforzare il business dell'acciaio inossidabile che
prevederebbe la soppressione di 300 posti di lavoro.
 * NOKIA NOK1V.HE sostiene i tecnologici con un rialzo
prossimo al 3% ma nel comparto si distingue anche INFINEON
(IFXGn.DE: Quotazione): il Financial Times Deutscheland ha scritto che il
produttore di chip punterebbe ad un Ebit margin del 10% nel
quarto trimestre del prossimo anno fiscale (giugno-settembre
2010).
 * Volatile PERNOD RICARD (PERP.PA: Quotazione), che vira in negativo
dopo una partenza in rialzo di quasi il 3%: il secondo
produttore mondiale di superalcolici dopo Diageo (DGE.L: Quotazione) ha
pubblicato risultati in linea con le previsioni per l'esercizio
che si è chiuso a giugno ma aspetta novembre prima di
sbilanciarsi in previsioni per l'anno in corso.
 * Gli energetici restano indietro con il greggio che si è
spinto oltre i 69 dollari al barile, in rialzo di un dollaro,
prima di correggere leggermente.
 * Sotto pressione il gruppo chimico tedesco BASF BASF.DE
dopo un downgrade a "reduce" di Nomura.
 * Fra i titoli minori, in grande spolvero l'editore di
videogiochi UBISOFT (UBIP.PA: Quotazione): l'AD si è detto fiducioso che il
gruppo centrerà e forse farà meglio degli obiettivi per il
2009/10.