BORSE EUROPA - Indici negativi, bene oil, giù banche, Michelin

martedì 29 aprile 2008 16:08
 

                             indici                chiusura
                             alle 15,50    var%        2007
---------------------------------------------------------------
  DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   3.797,30     -0,46     4.395,61
  FTSEurofirst300 .FTEU3      1.330,19     -0,63     1.506,61
  DJ Stoxx banche          366,32     -0,72       424,26
  DJ Stoxx oil&gas         422,08     +1,73      442,02
  DJ stoxx tech            247,20     +0,65      304,27
---------------------------------------------------------------
 FRANCOFORTE, 29 aprile (Reuters) - L'azionario europeo è
debole nel pomeriggio non aiutato dall'avvio incerto di Wall
Street e con i ribassi dei bancari, dopo le svalutazioni
annunciate da Deutsche Bank (DBKGn.DE: Quotazione) oggi e Hbos HBOS.L
ieri, che controbilanciano la tonicità degli oil. 
 Alle 15,40 italiane l'indice Ftse Eurofirst 300 .FTEU3
cede lo 0,51%, il DJ SToxx 50 .STOXX50E lo 0,34%. In linea con
gli indici generale Parigi e Francoforte, mentre Londra tiene
sulla parità grazie alla forza delle bluechip petrolifere. 
 Non ha prodotto effetti la diffusione dell'indice di fiducia
dei consumatori Usa ai minimi da dicembre 2003.
 I titoli in evidenza oggi:
 * DEUTSCHE BANK (DBKGn.DE: Quotazione) cede lo 0,56% dopo aver
annunciato il primo rosso trimestrale in cinque anni e
svalutazioni per oltre 4 miliardi di euro. 
 * L'annuncio di trimestrali migliori delle attese mette le
ali a BP (BP.L: Quotazione) e Royal Dutch/Shell (RDSa.L: Quotazione) che sovraperformano
anche rispetto allo stoxx del settore .
 * Michelin (MICP.PA: Quotazione) è uno dei titoli peggiori a Parigi dopo
il taglio delle previsioni sull'utile operativo del 2008. Sulla
scia altri big del comparto come la tedesca Continental
(CONG.DE: Quotazione).
 * Debole anche Daimler (DAIGn.DE: Quotazione) che ha annunciato un calo
dell'ebit superiore alle aspettative. 
 * A Madrid Inditex (ITX.MC: Quotazione) è in lettera dopo il dato sulle
vendite al dettaglio in Spagna di marzo che hanno registrato il
calo peggiore dal 2001.