BORSE EUROPA - Indici in calo su timori rallentamento economia

lunedì 28 gennaio 2008 15:59
 

                                indici               chiusura
                             alle 15,45    var %       2006
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx50 .STOXX50E    3.740,82     -0,96    4.119,94
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.305,21     -1,88    1.483,47
DJ Stoxx banche          363,49     -1,77      510,33
DJ Stoxx oil&gas         375,53     -2,11      411,61
DJ stoxx tech            266,17     -2,51      307,69
---------------------------------------------------------------
 MILANO, 28 gennaio (Reuters) - Le borse europee proseguono
il movimento ribassista dopo l'avvio debole di Wall Street.
 Il mercato continua ad interrogarsi sullo stato di salute
dell'economia statunitense e crescono i timori di un
rallentamento su scala mondiale.
 I risultati convincenti di McDonald's non sono sufficienti a
risollevare il morale degli investitori. La maggiore catena al
mondo di ristoranti ha registrato utili in lieve miglioramento
nel 2007 ed ha espresso ottimismo sui conti del 2008.
 In Europa continuano ad essere particolarmente presi di mira
i bancari, con l'indice DJ Stoxx  che segna una
contrazione dell'1,78%.
 Intorno alle 15,45 l'indice paneuropeo Ftseurofirst 300
.FTEU3 perde l'1,88% a 1.305,45 punti.
 L'indice Ftse 100 londinese .FTSE cede il 2,01%, il Cac 40
.FCHI l'1,36%, mentre il tedesco Dax .GDAXI arretra dell'1%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Si amplifica oltre il -5% il calo di SocGen (SOGN.PA: Quotazione).
L'istituto francese continua ad essere penalizzato dallo
scandalo di frode che l'ha travolto nei giorni scorsi.
 * Fortis FOR.BR si muove invece in direzione opposta
rispetto al mercato, mettendo a segno un rialzo del 7,12% in
scia all'annuncio, dato ieri dalla banca belga-olandese, che gli
utili 2007 potrebbero attestarsi intorno al miliardo di euro.
 * Carphone Warehouse CPW.L sale dell'1% tra volumi
contenuti, dopo che Credit Suisse ha confermato il rating
"outperform". Nonostante l'istituto ritenga che il primo
rivenditore europeo di telefoni cellulari non sia completamente
immune al rallentamento delle spese al consumo, Credit Suisse
sposa la tesi dell'AD Charles Dunstone, secondo cui Carphone
Warehouse si trova in una posizione più difensiva rispetto ad
altri big del retail.
 * Con un calo del 4% MAN AG (MANG.DE: Quotazione) è il fanalino di coda
del paniere tedesco DAX .GDAXI (-1,4%). A pesare sui corsi del
titolo del produttore di autoveicoli pesanti, la riduzione del
target price a 143 euro da 146 ad opera di JP Morgan.